MARTINSICURO – Continua la battaglia della Pro Loco di Martinsicuro contro la Sagra delle Sagre, l’evento organizzato dalla Pro Loco di Alba Adriatica che si terrà anche quest’anno in piazza Kolbe a Villa Rosa. Dopo la prima conferenza stampa dello scorso 26 giugno, l’associazione truentina torna sull’argomento rendendo noto che le Pro Loco della Val Vibrata, protagoniste della manifestazione enogastronomica, quest’anno non parteciperanno, molto probabilmente in seguito alla diffida inviata dall’Unpli alla Pro Loco albense.

“I loghi delle Pro Loco della Val Vibrata – dice Massimo Clementoni – sono spariti dai manifesti della Sagra delle Sagre. Ho anche sentito alcuni presidenti che mi hanno riferito che non prenderanno parte alla manifestazione. A questo punto mi chiedo che tipo di manifestazione si andrà a fare. Cosa rimane di quell’evento volto alla promozione del territorio? Mi sembra evidente che tutta la manifestazione stia diventando una trovata commerciale pura“.

Clementoni torna a chiedere poi all’amministrazione comunale di Martinsicuro di fare un passo indietro e di annullare la Sagra delle Sagre. “Nonostante che con tale delibera – continua il vicepresidente – ci siamo sentiti mortificati, torniamo a chiedere all’amministrazione Camaioni di tornare sui propri passi, si è ancora in tempo. Chiedo poi all’assessore Massimo Corsi di spiegarci che tipo di evento ha intenzione di fare, visto che molte delle Pro Loco non parteciperanno, in quanto rischiano di essere radiate dall’Unpli”.

Della vicenda, ed in particolare sulla presunta illegittimità della delibera di giunta con cui si autorizza la manifestazione, è stata interessata anche la Regione (la cui risposta in merito è stata annunciata come imminente) ed è stato chiesto anche un incontro in Prefettura.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 637 volte, 1 oggi)