GROTTAMMARE – E’ in corso la procedura per l’affidamento  dei lavori di rafforzamento delle scogliere a nord di Grottammare. L’iter è partito con l’approvazione da parte della giunta  del progetto definitivo esecutivo delle opere, avvenuta nei giorni scorsi, a seguito del decreto con cui la Regione Marche-Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia ha confermato il contributo di 60 mila euro per l’esecuzione dei lavori (nota del 9 giugno).

I lavori da realizzare sono quelli stabiliti nel progetto dell’ufficio tecnico comunale e consistono nel ricaricare  le 4 barriere frangiflutti emerse che non assolvono più in modo adeguato alla funzione di protezione dell’arenile. In particolare, dopo le violente mareggiate dell’inverno scorso (dicembre 2013 e gennaio 2014),  l’inefficienza di quelle scogliere ha causato la quasi totale erosione della spiaggia più a nord, il danneggiamento in più punti della pista ciclopedonale e delle fondamenta del circolo velico “Le Grotte” più a sud.

L’importo complessivo dell’opera ammonta a 75 mila euro e verrà finanziato per 15 mila euro  con fondi del comune di Grottammare e per  60 mila euro con i fondi regionali già citati.

Il contributo regionale rientra nelle opere di manutenzione stagionale a difesa della costa, finanziato dai fondi della legge regionale nr. 50/2013 “Ripartizione delle risorse finanziarie per la difesa della costa per l’anno 2014”.

I lavori dovrebbero garantire il ripristino della situazione di sicurezza, scongiurando un pericolo latente per la pubblica incolumità. Nella parte più meridionale del tratto, infatti, sono presenti anche abitazioni private, poste in prima fila sul lungomare, che, qualora l’erosione interessasse anche la via pubblica, potrebbero subire gravi danni: “L ’accaduto – si legge nella relazione dell’UT comunale, inviata al servizio regionale unitamente alla richiesta di finanziamento – è da attribuirsi al pessimo stato  di manutenzione delle quattro scogliere emerse poste a protezione del tratto di arenile in esame, ormai completamente dissestate e non in grado di assicurare alcuna protezione allo stesso arenile: dette scogliere non beneficiano di lavori di manutenzione dal momento della loro messa in opera, risalente a circa 30 anni fa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 366 volte, 1 oggi)