SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ partito ieri, mercoledì 18 giugno, nel quartiere Agraria, il lavoro dello street artist Zed1 (al secolo Marco Burresi) diplomato all’Istituto professionale di grafica pubblicitaria “Lucrezia Tornabuoni”, che consegnerà alla città un’altra opera d’arte oltre quella già realizzata al molo sud in occasione della 18esima edizione di “Scultura Viva”.

L’idea di coinvolgere lo street artist in un “murale urbano” è venuta a Piernicola Cocchiaro, presidente dell’associazione culturale “L’altrArte” che organizza “Scultura viva” e proposta all’Amministrazione comunale che si è subito attivata per avere l’autorizzazione dall’Ente Regionale per l’Abitazione Pubblica (Erap) delle Marche per realizzare il murale sulla facciata di una delle palazzine di sua proprietà in via Gronchi, nel quartiere Agraria.

Questo “grande muro” (come lo chiamano in gergo gli street artist) sarà un’opera alta 17 metri e larga 10 che verrà realizzata in cinque giorni con una tecnica pittorica innovativa che si chiama “second skin”: come una seconda pelle, infatti, l’opera, realizzata su una speciale superficie staccabile, con le intemperie lentamente si decomporrà per lasciare spazio alla seconda disegnata sull’intonaco. Per avere un’idea dei lavori di Marco Burresi, si può visitare la sua pagina facebook “Zed1” o il sito www.zed1.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.284 volte, 1 oggi)