ALBA ADRIATICA – Una missiva anonima con minacce di morte è stata recapitata, nella giornata di venerdi 13 giugno, al sindaco di Alba Adriatica Tonia Piccioni. La lettera, scritta a mano, è stata spedita da Ancona e sulla brutta vicenda ora indagano le forze dell’ordine.

“Se amministrare con consapevolezza in maniera assolutamente lecita e responsabile – si legge in una nota dell’amministrazione albense –  ci pone nella condizione di dover subire minaccia di morte come quella contenuta nella missiva anonima, recapitataci nella giornata di ieri, scritta a mano, e spedita da Ancona, io nella mia qualità di Sindaco di Alba Adriatica, tutta la Giunta e la Maggioranza consigliare, troviamo ulteriore conferma che, la strada amministrativa intrapresa è quella giusta.

Non saranno certo le intimidazioni vergate da persone vili e delinquenti, a fermarci e ad intimorirci. L’intera vicenda comunque è segno del decadimento e del degrado in cui è giunto l’esercizio della nostra democrazia. Ci si nasconde dietro ad un messaggio di morte e non si ha coraggio di esprimere pubblicamente le proprie diverse ragioni confrontandole con quelle altrui.
Ovviamente faremo una denuncia penale contro ignoti perchè si compiano le indagini atte a identificare gli autori del reato”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.007 volte, 1 oggi)