Happy Car Samb – Ecosistema Panarea 7-3 (4-0, 1-2, 2-1)

Happy Car Samb: Carotenuto, Leghissa, Pastore, Jordan, Di Maio, Soria, Bruno, Marazza, Juninho, Addarii, Comello. All. Di Lorenzo.
Panarea: Galeano, Sinopoli, Mercurio D., Mercurio G., Venere, Morabito, Gregoraci, Parentela, Diop, Procopio, Rotundo, Canino. All. Aloi.
Arbitri: Di Ciano di Lanciano e Cordenons di Pordenone.
Reti: 2’ pt Jordan (S), 3’ pt Leghissa (S), 4’ pt Marazza (S), 10’ pt Addarii (S), 2’ st Diop (P), 2’ st Bruno Novo (S), 11’ st Rotundo (P), 2’ tt Jordan (S), 6’ tt Leghissa (S), 11’ tt Parentela (P).
Note: Ammoniti: Morabito (P).

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Partenza sprint per i padroni di casa che passano subito con Jordan, che si avventa sul pallone respinto da Galeano su tiro di Soria. Poi è il turno di Leghissa con un piattone da centro area che vale il raddoppio rossoblu.

Dopo 1’ ci pensa Marazza a calare il tris, concludendo un’azione da manuale di prima da parte della Sambenedettese. Ancora la punta sambenedettese sugli scudi al 6’ su calcio di punizione ma Galeano in questa occasione risponde da campione. Samb scatenata, ancora pericolosa al 9’ con Juninho, bravo nella conclusione ma sfortunato nel colpire il palo. Il poker dei marchigiani è solo questione di tempo, infatti 1’ dopo ci pensa il funambolo Addarii a trafiggere la porta calabrese da distanza ravvicinata. Ultima scintilla del primo tempo porta la firma di Soria che in acrobazia sfiora la marcatura.

Ad inizio ripresa Ecosistem Panarea approfitta di un passaggio a vuoto dei padroni di casa con Diop che riesce a siglare la prima rete giallorossa. L’illusione dei calabresi però dura veramente poco perché Bruno Novo impone la sua legge con una conclusione al volo di destro che s’infila sotto la traversa. La Sambenedettese riprende a macinare gioco come sa fare e con Jordan al 3’ colpisce il palo alla sinistra di Galeano. Al 6’ è il turno di Soria che non riesce a firmare la sesta rete rossoblu calciando solo per ben due volte davanti all’estremo difensore avversario. Per le sue sortite offensive la Panarea si affida sempre a Diop che calcia da tutte le posizioni: al 10’ s’incarica del tiro insidioso dalla lunga distanza ma Comello riesce a sventare la minaccia in due tempi. Dalla parte opposta Addarii su tiro da fermo ma Galeano si supera, sul proseguo dell’azione la palla arriva sui piedi di Rotundo che sorprende la retroguardia marchigiana per il raddoppio giallorosso.

La parola fine sull’incontro la scrive ancora Jordan con un gran gol in rovesciata ad inizio terzo tempo, troppo forte la Samb per la Panarea che probabilmente ha bisogno di qualche partita in più per amalgamare i numerosi nuovi giocatori giunti alla corte di Aloi. Le ultime segnature di Leghissa da una parte e di Parentela dall’altra fissano il risultato sul definitivo 7-3.

“Il gol è frutto anche della fortuna – dichiara Bruno Novo – ma sono contento per questa vittoria che ci consente di affrontare il Catania. Loro sono forti, ma avremo dalla nostra i tifosi che saranno il giocatore in più della Samb”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 440 volte, 1 oggi)