SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La quiete dopo la tempesta. Torna il sereno tra il sindaco Gaspari e i presidenti di quartiere, accolti in Municipio venerdì pomeriggio per un summit dedicato al delicato tema della movida molesta, considerato l’avvicinamento della stagione estiva.

Un confronto di un’ora e mezzo definito “disteso e cordiale”, nel quale il primo cittadino ha ascoltato le problematiche dei residenti. Sotto la lente d’ingrandimento non solo Via Mentana e le strade limitrofe, ma pure la situazione del lungomare – area che tornerà bollente tra meno di un mese – e del centro. Qui l’attenzione è rivolta a Via XX Settembre, dove recentemente si sono insediati diversi locali capaci di attrarre giovani fino a tarda notte.

L’amministrazione ha promesso che studierà nuovi provvedimenti, senza escludere la possibilità di rispolverare la vecchia ordinanza anti-alcol, magari asciugata dai punti deboli. I presidenti hanno infatti fatto notare come la minaccia di sanzioni debba essere accompagnata da una maggiore sorveglianza delle zone a rischio caos.

Schiamazzi, azioni di vandalismo, portoni scambiati per orinatoi. Le contestazioni, già ascoltate in passato, sono state ribadite a Gaspari, che riconvocherà i quartieri a fine mese. Nel mezzo è previsto anche un faccia a faccia con gli operatori balneari, con cui verrà affrontata la questione della limitazione dei decibel.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 649 volte, 1 oggi)