SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un momento atteso dai cultori della lettura e dagli estimatori di un Premio che dona prestigio al territorio che lo ospita e permette a esso di intrattenere preziosi legami con gli scrittori e i poeti nazionali e internazionali, distintisi nel gradimento del pubblico e nella selezione dell’attenta giuria.

Questo è il “Riviera delle Palme”, ambito riconoscimento che rappresenta la punta di diamante di un’Associazione rinnovatasi recentemente con l’elezione dell’imprenditore Leo Bollettini, proponendosi di ridare lustro e slancio alla sua trentennale tradizione di cultura e attenzione alle eccellenze artistiche. Una Rivista, il Premio per gli studenti e una mostra recentemente inaugurata al comune di San Benedetto, sono solo le prime attività, tra gli appuntamenti annuali e le iniziative che saranno rivisitate. Non ultima la ristrutturazione del sito per garantire ampio respiro e una visibilità più estesa alle iniziative dell’Associazione, da sempre osservatorio culturale privilegiato del territorio Piceno.

Il 27 settembre, nel corso della premiazione che avverrà nella sala consiliare del comune sambenedettese, la sfida è aperta ma i contendenti hanno oggi un nome. Per la narrativa la cinquina indicata dalla giuria si apre con Chiara Gamberale e il suo ‘Per dieci minuti’, in cui l’autrice, tra gli altri, di ‘Una passione sinistra’, narra la difficoltà di rialzarsi e tornare a vivere di fronte alle dure prove dell’esistenza. Insieme con lei Paolo Di Paolo in ‘Mandami tanta vita’ tesse un elogio della rimpianta, incompresa giovinezza e dei suoi perduti amori. Con loro, Salvatore Niffoi e ‘La quinta stagione dell’inferno’, tra le luci e le ombre di una giustizia fatta da sé sullo sfondo del Texas più atroce. Non potevano mancare Giancarlo e Francesco Carofiglio con ‘La casa del bosco’, l’occasione per i due blasonati autori di raccontare un’età adulta capace di riservare nuove emozioni nel segno dell’infanzia felice dei due fratelli e autori. Chiude la cinquina ‘Un giorno sull’isola’ di Concita Gregorio, un’intensa interpretazione del rapporto madre e figlio e dello straordinario confronto con i genitori nella storia delle generazioni che si ripete.

Resi noti anche i nomi dei cinque finalisti per la saggistica. Mariarita Parsi in ‘Maladolescenza’ sonda il misterioso mondo degli adolescenti, spesso così lontani e imperscrutabili. Con lei in finale ‘La vita segreta di Gesù’ di Vito Mancuso, una sintesi dei principali vangeli apocrifi sulla vita di Cristo prima e dopo la crocifissione. E poi Stefano Livadotti, che in ‘Ladri’ conduce un’inchiesta sul duplice risvolto dell’economia sommersa, tra l’evasione fiscale e le figure al limite della legalità che la fanno proliferare. Selezionato anche ‘Gocce nel Mare’ di Stefano Zecchi, una visione lucidamente responsabile di quello che dovrebbe essere l’impegno etico condiviso da ognuno, quello di rendere il mondo ‘un posto migliore’. Ultimo non certo per merito, Beppe Severgnini in ‘La vita è un viaggio’ chiama al risveglio una nazione sospesa tra la partenza e la fuga, disorientata da un estremo bisogno di una guida, che non sa se rinnegare anche l’Europa.

Scrittori che non hanno bisogno di presentazione, in vetta alle classifiche e nel cuore dei lettori, ma che giungeranno in città, qualora premiati, per la cerimonia di chiusura del premio. Ritirare il riconoscimento sarà l’unica incombenza per gli autori, di fronte al desiderio della comunità di rendere omaggio all’arte antica e magica della scrittura e ai suoi protagonisti.

Inviato da Martina Oddi di www.ilquotidiano.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 255 volte, 1 oggi)