SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Gli studenti della “Cappella” possono tornare a utilizzare gli spazi del piano seminterrato della scuola. La scorsa settimana sono, infatti, stati restituiti alle attività didattiche l’aula magna e due laboratori che non erano fruibili dal 1992, quando furono allagati in seguito all’esondazione del fiume Tronto.

I lavori sul seminterrato della scuola, finanziati con 90 mila euro provenienti da fondi comunali, sono successivi a un primo intervento di miglioramento sismico che, grazie a un finanziamento di 600 mila euro, ha innalzato il coefficiente di sicurezza sismica dell’edificio.

Intanto proseguono gli altri lavori, sempre necessari ad adeguare la scuola ai fenomeni sismici più intensi. Finanziati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per 300 mila euro ed eseguiti dalla ditta Laganaro, i lavori consistono nella demolizione del tetto e sostituzione con una copertura piana, nel rifacimento della pensilina sopra l’ingresso principale, nella costruzione di un corpo adiacente alla palestra che avrà il compito di “irrigidire” la struttura e nel quale saranno ricavate aule e uffici.

In diversi punti esterni all’edificio si stanno realizzando dei controventi metallici necessari all’ulteriore irrigidimento e all’assorbimento dell’energia sismica sprigionata in caso di terremoto. Questi lavori termineranno entro l’anno scolastico, mentre altre opere interne saranno fatte durante il periodo estivo per non intralciare l’attività didattica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 252 volte, 1 oggi)