ISERNIA – La 32a Giornata (15a di ritorno) di Serie D Girone F è andata in archivio con 6 successi (di cui 1 a tavolino e 3 esterni) e 3 pareggi (di cui 1 a reti bianche); 23 (di cui 3 a tavolino e 20 effettive sul campo; 1 su rigore) le reti messe a segno in questo 32° turno. Unica doppietta di giornata quella di Mattia Santoni (Maceratese).
Ancona già matematicamente promossa in Lega Pro (Nuova Serie C riunificata) perde imbattibilità esterna cadendo di misura (2-1) sul campo dell’Isernia (al 2°successo consecutivo, compreso quello a tavolino della scorsa settimana col Bojano) che con questo inatteso successo scavalca la Renato Curi Angolana sconfitta in casa dal Matelica, portandosi al terzultimo posto ma ancora fuori dai play out visto il distacco superiore a 10 punti (11) dall’Amiternina 13a che ad oggi sarebbe salva.
Il già citato Matelica (al 6° risultato utile consecutivo: 5 successi ed un pareggio) espugna (1-3) Città Sant’Angelo riducendo distacco da capolista a -7 ma soprattutto legittimando 2° posto portandosi a +3 sul Termoli (al secondo 0-0 consecutivo) bloccato sul pari (0-0) tra le mura amiche dall’Amiternina.
La Fermana vince 3-0 a tavolino senza giocare la gara interna che doveva vederla opposta al Bojano che è stato radiato ed escluso dal campionato dopo 4 rinuncie.

RISULTATI E MARCATORI DELLA 32A GIORNATA (15A DI RITORNO) SERIE D GIRONE F DI GIOVEDI’ 17 APRILE 2014:
Alma Juventus Fano -Jesina 2-1 (6’Mattia Sassaroli, 76’Antonioni, 85’Bastianelli [J])
Celano Marsica-Vis Pesaro 2-2 (19′Aquaro [C.M.], 37′Bugaro [V.P.], 63′ Omiccioli [V.P.], 87′ Dema [C.M.])
Civitanovese-Olympia Agnonese 1-1 (56’Comotto [C], 96′ Troccoli [O.A.]. Espulsi: al 68′ il tecnico della Civitanovese Gabbanini per proteste ed all’87’Rolli dell’Agnonese per gioco falloso)
Fermana-Bojano (Gara non disputata visto radiazione del Bojano e così la Fermana oltre a riposare conquista 3 punti a tavolino) 3-0 a tavolino
Giulianova-Maceratese 1-2 (37’Mattia Santoni, 45’Armando Simeon Iachini [G], 84’Mattia Santoni)
Isernia-Ancona 1905 2-1 (39’Morbidelli [A], 42’Riccardi, 81’Panico su rigore)
Renato Curi Angolana-Matelica 1-3 (14′ Scartozzi, 36’Natalini [R.C.A.], 75’Lazzoni, 86’Martini. Al 78′ espulso Di Camillo dell’Angolana per aver colpito con un pugno un avversario)
Sulmona-Recanatese 0-1 (37’Commitante. All’82’espulso Di Ciccio del Sulmona per una gomitata al volto rifilata ad un avversario)
Termoli-Amiternina 0-0.

CLASSIFICA : Ancona 1905 * ç 71, Matelica 64, Termoli 61, Maceratese 58, Vis Pesaro 46, Jesina 45, Alma Juventus Fano, Fermana e Giulianova 44, Recanatese 43, Celano Marsica 42, Civitanovese 40, Amiternina ed Olympia Agnonese * 38, Sulmona 37, Isernia *27, Renato Curi Angolana 26, Bojano * * * # 1 .
In neretto la squadra in testa alla classifica
* * *= 3 (1+1+1) punti di penalizzazione: Bojano per non essersi presentato in campo nei match interni (persi poi a tavolino) dell’11a giornata contro il Giulianova, della 25a contro il Sulmona e della 27a contro l’Ancona 1905. Essendo poi arrivato alla 4a rinuncia (nella gara interna della 29a giornata contro la Recanatese) a giocare è stato da regolamento radiato e dunque estromesso dal campionato in corso.
*=un punto di penalizzazione : Ancona per la nota vicenda (della scorsa stagione) Luca Bellucci , Isernia per non essersi presentato in campo nel match interno (perso poi a tavolino) dell’8a giornata contro la Civitanovese ed Olympia Agnonese per il ritardo nel pagamento dei rimborsi per il calciatore Di Berardino (oggi alla Maceratese), relativo alla scorsa stagione.
#= Estromesso dal campionato in corso dopo 4 rinunce a giocare stagionali e radiato da tutti i campionati.
ç= Matematicamente promossa in Serie C con 3 giornate d’anticipo.

Mancano 2 giornate al termine ma se fosse finito oggi il campionato sarebbe così:
Ancona promossa in Lega Pro (Serie C riunificata).
Semifinali Play Off in gara unica in casa della meglio classificata nella Regular Season: visto il distacco superiore a 10 punti in classifica non ci sarà semifinale tra la 2a e la 5a (Matelica-Vis Pesaro) ma il Matelica approderebbe direttamente alla finale in gara unica. Mentre si disputerebbe la semifinale tra la 3a e la 4a: Termoli-Maceratese.
Play Out in gara unica in casa della meglio classificata nella Regular Season: Olympia Agnonese (14a) -Sulmona (15a). Visto il distacco superiore a 10 punti non si disputerebbe lo spareggio tra la 13a (Amiternina) e la 16a (Isernia) e dunque l’Amiternina (che è 13a a pari punti con l’Agnonese ma risulta davanti ai molisani in quanto meglio messa negli scontri diretti : 3-0 a Scoppito e 0-1 ad Agnone) sarebbe salva.
Isernia e Renato Curi Angolana direttamente retrocesse in Eccellenza. Bojano radiato.

PROSSIMO TURNO, 33a Giornata (16a di ritorno) di domenica 27 aprile 2014 ore 15:
Amiternina-Civitanovese (All’andata 0-0)
Ancona 1905-Fermana (3-2)
Bojano-Celano (All’andata 0-11) non verrà disputata ed il Celano oltre a riposare avrà 3 punti a tavolino
Jesina-Termoli (0-2)
Maceratese-Alma Juventus Fano (Gara che si giocherà a porte chiuse ed in campo neutro) -(All’andata 0-2)
Olympia Agnonese-Matelica (0-1)
Recanatese-Isernia (1-1)
Sulmona-Giulianova (0-1)
Vis Pesaro-Renato Curi Angolana (3-2).

CLASSIFICA MARCATORI:
In testa alla classifica cannonieri c’è Cristian Cacciatore del Matelica con 20 reti (di cui 4 su rigore).

Alle sue spalle troviamo: Aquaro del Celano Marsica e Simone Miani del Termoli con 17 gol a testa.

Completa attuale podio Panico (1 con la maglia del Bojano e 15 con quella dell’Isernia) con 16 centri.

Dietro di lui troviamo Berardi della Jesina con 14 gol.

Quindi ci sono: Costantino della Vis Pesaro, Giorgio Galli della Recanatese e Tavares dell’Ancona 1905 con 13 centri a testa.

Poi c’è Roberto Palumbo del Termoli con 12 gol .

Seguono poi Bondi dell’Ancona 1905 e Torbidone dell’Amiternina con 11 centri a testa .

Quindi troviamo Alex Ambrosini e Cavaliere della Maceratese e Palmieri della Recanatese con 10 gol ciascuno .

Poi seguono : Bugaro della Vis Pesaro, Ceccarelli del Sulmona, Cognigni e Jachetta del Matelica, Alessandro Gabrielloni della Maceratese, Stefanelli del Fano e Vittorio Esposito (5 con la maglia del Giulianova e 4 con quella dell’Agnonese) con 9 centri a testa.

Poi ci sono: Degano dell’Ancona 1905, Francia della Renato Curi Angolana, Lucasz Lenart dell’Amiternina e Cristian Pazzi (6 con la maglia della Civitanovese e 2 con quella dell’Ancona) con 8 reti ciascuno.

Alle loro spalle troviamo: Broso e Gennaro Sorrentino del Giulianova, Massimo D’Angelo del Sulmona, Nohman (poi passato al Gozzano) della Recanatese, Pedalino dell’Amiternina , Ricamato dell’Olympia Agnonese, Sivilla dell’Ancona 1905, Michael Traini della Jesina e Mattia Santoni (2 con la maglia della Fermana e 5 con quella della Maceratese) con 7 centri a testa.

Quindi troviamo: Bartolini e Negro della Fermana, Borrelli della Maceratese , Dos Santos del Giulianova e Pierandrei della Jesina con 6 gol a testa.

Alle loro spalle ci sono: Antonioni e Nodari del Fano, Api del Matelica, Nicola Cardinali e Marco Strappini della Jesina, Di Benedetto dell’Olympia Agnonese, Genchi, La Rosa e Santoro del Termoli, Isotti della Renato Curi Angolana, Mercogliano del Celano Marsica, Paris della Fermana, Giacomo Ridolfi della Vis Pesaro e Ruffini della Maceratese con 5 centri ciascuno.

A seguire: Berretti del Giulianova, Cicino del Fano, Comotto della Civitanovese, Dema del Celano Marsica, Di Mercurio del Termoli, Giovanni Dominici della Vis Pesaro, Stefano Mancini e Pettrone dell’Olympia Agnonese, Misin della Fermana, Morbidelli dell’Ancona 1905, Moretti del Matelica, Pellegrino e Proietti del Sulmona e Marcos Bolzan (3 con la maglia della Civitanovese ed una con quella del Celano Marsica) con 4 reti a testa.

Quindi troviamo: Bianchi, Chicco, Cremona e Cusaro della Vis Pesaro, Biso (tutti su rigore i suoi 3 gol), Capparuccia e Pizzi dell’Ancona 1905, Cianni della Recanatese, Forgione e Scandurra della Civitanovese, Armando Simeon Iachini e Maschio del Giulianova, Keita (poi passato al Vasto Marina) e Pifano dell’Olympia Agnonese, Stefano Mandorino del Termoli, Marinucci Palermo e Savini della Fermana, Pagliuca della Renato Curi Angolana, Riccardi dell’Isernia, Alfredo Romano della Maceratese, Valdes (1 con la maglia del Celano Marsica e 2 con quella della Civitanovese) e Zivkov (1 con la maglia della Civitanovese e 2 con quella della Fermana) con 3 gol ciascuno.

A seguire: Belkaid ed Orta della Maceratese, Luca Bellucci, D’Errico e Ragatzu della Fermana, Brack, Di Berardino e Magaddino del Sulmona, Mattia Cardinali, Leonardo Rossini e Marco Sassaroli della Jesina, Cazzola e D’Alessandro dell’Ancona 1905, Cristiano Colella e Saltarin della Renato Curi Angolana, D’Ancona e Trillini della Civitanovese, De Matteo ed Evacuo del Bojano, Di Carlo, Andrea Omiccioli ed Alberto Torelli della Vis Pesaro, Di Iulio, Patrizi e Sebastianelli della Recanatese, Ibojo del Termoli, Lancia , Marfia (poi passato all’Ancona) e Rea del Celano Marsica, Lazzoni, Riccardo Martini, Scotini e Staffolani del Matelica, Dawid Lenart e Terriaca dell’Amiternina, Mattia Sassaroli e Shiba del Fano, Tufano dell’Isernia, Marangon (una con la maglia del Sulmona ed una con quella dell’Isernia) , Morante (una con la maglia dell’Olympia Agnonese ed una con quella della Civitanovese) e Tarantino (una con la maglia della Civitanovese ed una con quella del Celano Marsica) con 2 reti a testa.

Seguono: Michele Alessandrini, Bastianelli, Carnevali, Mbaye ed Alessandro Rossi della Jesina, Ambrosino, Calvanese, Capoano e Spezzaferro del Bojano, Basso, Forò, Fusaro, Todino e Viteritti del Termoli, Benfatto, Francesco Donzelli, Lattanzi , Perfetti e Sparacello della Maceratese, Bianchini, Catalano, D’Orazio, De Patre, Fantini e Stornelli del Giulianova, Boateng, Coccia e Sako della Civitanovese, Bocchino, Vittorio Mariani, Peveri, Shipple e Valente dell’Amiternina , Bongermino, Cancelli, De Matteis, Di Camillo, Giansante, Giammarino, Lib Alizadeh, Marotta, Natalini, Sborgia e Vespa della Renato Curi Angolana, Bordoni, Cirina, Di Ciccio e Spadari del Sulmona, Bracci, Fabbri, Fatica, Lunardini, Manuel Muratori (poi passato alla Forsempronese), Provenzano e Torta del Fano, Cacioli, Di Dio e Gelonese dell’Ancona 1905 , Calabrese, Fuschi, Granaiola e Marco Mancini del Celano Marsica, Colasante, Damizia e Manocchia dell’Isernia, Commitante, Pablo Garcia, Franco Gigli, Moriconi e Narducci della Recanatese ,Eugenio Dominici, Niccolò Rossi e Giorgio Torelli della Vis Pesaro, Andrea Fabiani, Fruci, Labriola, Francesco Mariani , Alex Marco Marini ed Antonio Romano della Fermana, Famiano, Orlando, Partipilo, Troccoli e Wade dell’Olympia Agnonese e Gadda, Gilardi e Scartozzi del Matelica tutti con un gol a testa all’attivo.

Autoreti:Ancona (Bojano) pro Renato Curi Angolana, Barilaro (Ancona 1905) pro Renato Curi Angolana, Cacioli (Ancona 1905) pro Amiternina, Di Francia (Renato Curi Angolana) pro Sulmona, Marini (Fermana) pro Celano, Andrea Martini (Vis Pesaro) pro Maceratese, Montone (Bojano) pro Celano Marsica, Pettolino (Bojano) pro Isernia, Enrico Severini (Recanatese) pro Civitanovese e Valente (Amiternina) pro Ancona 1905.

STATISTICHE SERIE D GIRONE F NEL DETTAGLIO DOPO LA 32A GIORNATA:
POSITIVE:
Non vi sono più squadre imbattute ne in senso assoluto, ne in casa e ne in trasferta.
La migliore striscia positiva in corso è della Recanatese con 10 risultati utili consecutivi (5 successi e 5 pareggi)
La più lunga striscia positiva è stata quella dell’Ancona 1905 con 18 risultati utili consecutivi (dalla 14a alla 31a giornata con 13 successi e 5 pareggi) .
Il maggior numero di vittorie consecutive in corso è di Isernia (2 successi di cui 1 a tavolino) e Maceratese con 2 successi consecutivi a testa.
La più lunga serie di vittorie consecutive è stata quella di Ancona 1905 (dalla 26a alla 30a giornata compreso il 3-0 a tavolino col Bojano) e Termoli (2 volte: dalla 7a all’11a giornata e dalla 23a alla 27a giornata) con 5 successi consecutivi.
Miglior attacco: Ancona con 65 reti segnate (di cui 5 su rigore; 36 in casa e 29 in trasferta) con 14 diversi elementi: Biso (3 tutte su rigore), Bondi (11), Cacioli (1), Capparuccia (3), Cazzola (2), D’Alessandro (2), Degano (8), Di Dio (1) , Gelonese (1), Morbidelli (4 di cui una su rigore), Pazzi (2), Pizzi (3), Sivilla (7) e Tavares (13 di cui una su rigore). Ai 14 diversi marcatori biancorossi vanno aggiunte l’autorete di Valente (Amiternina) e le 3 reti a tavolino nella gara esterna di ritorno col Bojano.
Miglior difesa: Ancona con sole 17 reti (9 in casa e 8 fuori) subite
Non subisce gol da più partite: Amiternina da 4 gare consecutive (390 minuti complessivi) .
Migliore differenza reti : Ancona con un +48 (65-17).
Maggior numero di vittorie: Ancona con 21 successi (di cui 1 a tavolino) .
Minor numero di sconfitte: Ancona 1905 con soli 2 ko ( 0-1 interno col Giulianova alla 13a giornata e 2-1 ad Isernia alla 32a).
Maggior numero di pareggi: Celano Marsica con 18 pari .
La squadra che ha fatto più punti in casa è l’Ancona 1905 con 35 frutto di 10 successi , 5 pareggi interni ed un ko.
La squadra che ha fatto più punti in trasferta è l’Ancona 1905 con 37 frutto di 11 successi , 4 pareggi esterni ed un ko .
La squadra a segno col maggior numero di giocatori è la Fermana con 17 diversi marcatori: Bartolini (6), Luca Bellucci (2), D’Errico (2), Andrea Fabiani (1), Fruci (1), Labriola (1), Francesco Mariani (1) , Alex Marco Marini (1), Marinucci Palermo (3), Misin (4), Negro (6 di cui 1 su rigore), Paris (5), Ragatzu (2 di cui 1 su rigore), Antonio Romano (1) , Mattia Santoni (2; poi passato alla Maceratese) , Savini (3) e Zivkov (2). Ai 17 diversi marcatori giallo-blu vanno aggiunte le 3 reti a tavolino nella gara interna di ritorno col Bojano.
Migliore media inglese: Ancona 1905 con un +8 .

Questo nel dettaglio il quadro aggiornato degli allenatori delle 18 squadre che compongono il Girone F di Serie D 2013/14:
ALMA JUVENTUS FANO: Mirko Omiccioli (Nuovo) poi esonerato e rilevato alla 25a giornata da Gianluca De Angelis;
AMITERNINA: Vincenzino Angelone (Confermato);
ANCONA 1905: Giovanni Cornacchini (nuovo) ;
BOJANO: Primo Berlinghieri (nuovo) poi esonerato e rilevato alla 6a giornata dal tecnico della Juniores Giovanni Menna, poi a sua volta rilevato all’8a giornata da Tony Pulcinella, il quale a sua volta è stato rilevato alla 9a giornata da Eduardo Gargiulo, poi alla 10a giornata di nuovo il tecnico della Juniores Giovanni Menna, alla 12a giornata Vincenzo La Manna alla 13a il presidente Domenico Di Conza, alla 15a Giglio, dalla 16a Giovanni Cagiano poi rilevato alla 24a da Antonio Iannantuoni il quale a sua volta è stato rilevato alla 26a da Fiorenzo Rivellini;
CELANO MARSICA: Luigi Morgante (confermato);
CIVITANOVESE: Osvaldo Jaconi (nuovo) poi esonerato e rilevato alla 19a giornata da Leonardo Gabbanini ;
FERMANA: Gianluca Fenucci (nuovo) poi esonerato e rilevato alla 9a giornata dal tecnico della Juniores Matteo Mercuri, il quale a sua volta è stato rilevato alla 10a giornata da Luigi Boccolini, che si è poi dimesso ed è stato rilevato alla 20a giornata dal duo: Fabio Scoponi-Matteo Mercuri;
GIULIANOVA: Donato Ronci (nuovo) poi esonerato e rilevato alla 28a giornata da Alessandro Monticciolo poi anch’egli esonerato, dopo questa 32a giornata e sostituito dallo stesso Donato Ronci ;
ISERNIA: Giovanni Renna (nuovo) poi esonerato e rilevato alla 4a giornata dal vice Massimo Scagliarini il quale a sua volta è stato rilevato alla 5a giornata da Santo Mazzullo, poi dall’11a giornata di nuovo Massimo Scagliarini e dalla 18a Michele Califano;
JESINA: Francesco Bacci (nuovo);
MACERATESE: Guido Di Fabio (confermato) poi esonerato e rilevato alla 4a giornata da Massimiliano Favo che a sua volta è stato poi esonerato e sostituito alla 26a giornata dallo stesso Guido Di Fabio;
MATELICA: Fabio Carucci (confermato);
OLYMPIA AGNONESE:Corrado Urbano (confermato);
RECANATESE: Gilberto Pierantoni (nuovo) poi esonerato e rilevato alla 12a giornata da Daniele Amaolo ;
RENATO CURI ANGOLANA: Luciano Miani (confermato) poi esonerato e rilevato all’11a giornata da Giuseppe Donatelli;
SULMONA: Antonio Mecomonaco (confermato) poi esonerato dopo la 16a giornata e rilevato dal tecnico della Juniores Mario Pulsone e dalla 18a giornata da Pasquale Luiso;
TERMOLI: Sauro Trillini (nuovo) poi esonerato e rilevato alla 4a giornata da Domenico Giacomarro;
VIS PESARO: Giuseppe Magi (confermato).
In neretto le squadre che hanno sostituito il proprio allenatore iniziale.

Queste le 9 squadre dei rispettivi Gironi di Serie D già promosse in Lega Pro (Serie C riunificata) o in testa al proprio Girone a 2 giornate dalla fine:
Girone A :Giana Erminio*;
Girone B : Pro Piacenza (da non confondere con il più famoso Piacenza calcio che gioca nello stesso Girone) ;
Girone C : Marano * e Pordenone * prime a pari punti ;
Girone D: Correggese * ;
Girone E: Pistoiese;
Girone F (dove è stato escluso in corsa nel girone di ritorno il Bojano che è stato radiato) : Ancona 1905 ;
Giroone G: Lupa Roma * ;
Girone H (ridotto da 18 a 17 squadre visto l’esclusione in corsa nel girone d’andata del Nardò che è stato radiato) : Matera * e Taranto * prime a pari punti;
Girone I (dove è stato escluso in corsa nel girone di ritorno il Ragusa che è stato radiato): Savoia.
In neretto le squadre già promosse in Serie C.
*= squadre in testa al proprio Girone ma non ancora matematicamente promosse in Serie C.
Le 9 vincitrici dei rispettivi gironi si giocheranno poi lo Scudetto Dilettanti

INFO SERIE D GIRONE F: La Serie D Girone F 2013/14 includerà anche la Samb ed il San Nicolò (che torna in Serie D dopo un solo anno di purgatorio dopo che la scorsa stagione era retrocesso giungendo ultimo nel Girone F) che sono stati matematicamente promossi nel massimo campionato Dilettanti avendo vinto (Samb con 4 giornate d’anticipo, San Nicolò con 3) rispettivamente l’Eccellenza Marche e l’Eccellenza Abruzzo 2013/14.

Albo d’Oro Serie D (che esiste dalla stagione 1948/49 ma fino alla stagione 1991/92 si chiamava Interregionale) Girone F (che dal 1982 ha quasi sempre raccolto le squadre del centro-sud di Marche ed Abruzzo in particolar modo) ed altri Gironi che dal 1980 ad oggi hanno raccolto le squadre marchigiane :
1979/80 °: Maceratese e Cattolica (Nel Girone C dove c’era anche il Chievo Verona, oggi in Serie A) e Frattese e Campania (Nel Girone F, allora ancora senza squadre marchigiane) ;
1980/81°: Vigor Senigallia e Jesi (Girone C dove c’era anche il Chievo Verona) ed Akragas e Modica (Girone F dove non c’erano ancora squadre marchigiane);
1981/82: Elpidiense (Girone F) ;
1982/83 Cesenatico (Girone F) ;
1983/84: Fermana (Girone F) ;
1984/85:Ravenna (Girone F) ;
1985/86: Vis Pesaro che vinse spareggio a 3 con Gubbio e Riccione, squadre che erano giunte prime a pari punti con i vissini (Girone F) e Lanciano che vinse spareggio col Chieti giunto anch’esso primo a pari punti con i lancianesi (Girone H);
1986/87 : Gubbio (Girone F) e Chieti (Girone H);
1987/88: Poggibonsi (Girone F) e Trani (Girone H);
1988/89: Mobilieri Ponsacco (Girone F ) e Castel di Sangro (Girone G) ;
1989/90: Imola * ma poi fallì e la promozione saltò (Girone F) e Vastese (Girone G) ;
1990/91: Colligiana (Girone F) ed Avezzano (Girone G). In questa stagione chi vinceva il proprio Girone non veniva subito promosso in C2 ma doveva prima vincere anche lo spareggio con la squadra vincitrice del Girone confinante. In quell’anno ad essere promosso fu l’Avezzano che battè proprio la Colligiana nel doppio spareggio ;
1991/92: L’Aquila (Girone F, per la prima volta dal 1982 senza squadre marchigiane) e Sulmona (Girone G). Nonostante avessero vinto i loro rispettivi Gironi le 2 squadre abruzzesi non furono promosse in C2 in quanto perdettero i rispettivi spareggi contro altre 2 vincitrici di Gironi : Gualdo (E) e Sora (H);
1992/93: Nuova Maceratese (Girone E) e Torres (Girone F, per la 2a volta dal 1982 senza squadre marchigiane) ;
1993/94:Vis Pesaro (Girone E) e Teramo (Girone F, per la terza volta dal 1982 senza squadre marchigiane);
1994/95:Tolentino (Girone F) ;
1995/96: Arezzo (Girone E) e Maceratese (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta 14a);
1996/97: Castel San Pietro (Girone E) ed Astrea (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta terza);
1997/98:L’Aquila (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta terza) ;
1998/99: Imolese (Girone D, dove c’era anche la Samb giunta quarta) e Castelnuovo (Girone F per la quarta volta dall’82 senza squadre marchigiane);
1999/2000: San Marino (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta 8a) ;
2000/01: Poggese (Girone D) e Samb (Girone F) ;
2001/02:Fano (Girone E) e Tivoli (Girone F, per la 5a ed ad oggi ultima volta dal 1982, senza squadre marchigiane);
2002/03: Ravenna (Girone D) e Rosetana (Girone F) ;
2003/04: Castel San Pietro (Girone D) e Morro d’Oro (Girone F, dove c’era anche il Grottammare);
2004/05: Foligno (Girone F, dove c’era anche il Grottammare) ;
2005/06: Val di Sangro (Girone F, dove c’era anche il Grottammare;
2006/07: Pescina Valle del Giovenco (Girone F, dove c’erano anche Centobuchi e Grottammare);
2007/08: Giacomense (Girone D) e Sangiustese (Girone F, dove c’erano anche Centobuchi e Grottammare, quest’ultimo giunto quinto ed approdato ai Play Off poi persi con la Renato Curi Angolana) ;
2008/09:Pro Vasto (Girone F, dove c’erano anche Centobuchi e Grottammare, quest’ultimo poi retrocesso);
2009/10: Pisa (Girone D) e Chieti (Girone F, dove c’era anche il Centobuchi poi retrocesso);
2010/11: Santarcangelo (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta 11a a pari punti con Atletico Trivento, Luco Canistro ed Olympia Agnonese) ;
2011/12: Teramo (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta seconda a -1 dal Teramo e a pari punti con l’Ancona considerata però terza in quanto messa peggio rispetto ai rossoblu negli scontri diretti);
2012/13: Samb (Girone F) poi fallita in estate e ripartita dall’Eccellenza Marche ;
2013/14: Ancona 1905 (Girone F).

Programma attività ufficiale post-campionato
TITOLO DI CAMPIONE D’ITALIA: 11 maggio 2014 eventuale spareggio
11 maggio 2014 1^ gara triangolare
18 maggio 2014 2^ gara triangolare
25 maggio 2014 3^ gara triangolare
29 maggio 2014 semifinali (gara unica campo neutro)
31 maggio 2014 finale (gara unica campo neutro)
FASE DEI “PLAY OFF”: 11 maggio 2014 1^ fase abbinamenti di girone
14 maggio 2014 2^ fase finali di girone
18 maggio 2014 3^ fase abbinamenti
25 maggio 2014 4^ fase abbinamenti
1° giugno 2014 5^ fase semifinali
8 giugno 2014 6^ fase finale
FASE DEI “PLAY OUT”: 11 maggio 2014 eventuale spareggio
18 maggio 2014 gara unica
Si rappresenta altresì che, come riportato sul Comunicato Ufficiale n. 15 del 13 agosto 2013, dal 18 maggio 2014 l’orario ufficiale di inizio delle gare è fissato alle ore 16,00.
Il Dipartimento si riserva la facoltà di apportare, al presente programma gare, le modifiche che dovessero rendersi necessarie per sopraggiunte necessità di carattere organizzativo.

COPPA ITALIA DI SERIE D:
Semifinali del 12 febbraio (andata) e 5 e 6 marzo (ritorno):
Ponte San Pietro Isola-Gozzano 2-0 e 0-0 (Giocata giovedì 6 marzo)
Arezzo-Pomigliano 0-2 e 0-0
In neretto le 2 squadre approdate in finale
Finale in gara unica giocata giovedì 3 aprile sul neutro “Bruno Buozzi” di Firenze in diretta televisiva su Rai Sport 1:
Pomigliano-Ponte San Pietro Isola (detto anche Pontisola) 2-2 (2’autorete di Rea [P.S.P.I.], 22’Romano [Pom], 74’Salandra [P.S.P.I.], 90’Arcangelo Panico [Pom] su rigore) D.T.R. e 7-6 D.C.R.
Sequenza Rigori: Augello (P.S.P.I) gol , Romano (Pom) gol , Crotti (P.S.P.I) parato, Panico (Pom) gol , Ruggeri (P.S.P.I) gol , Suriano (Pom) gol, Traini (P.S.P.I) gol, Esposito (Pom) parato, Salandra (P.S.P.I) gol, Oretti (Pom) gol, Rossetti (P.S.P.I) parato e Varriale (Pom) gol.
D.T.R.= Dopo Tempi Regolamentari ; D.C.R.= Dopo Calci Rigore
Il Pomigliano succede alla Turris vincendo coppa Italia di Serie D e sarà ammesso direttamente alle semifinali Play Off.
La manifestazione (vinta la scorsa stagione dal Torre Neapolis) è partita con il turno preliminare di domenica 18 agosto (stessa data di inizio della Coppa Italia Lega Pro). Poi ci sono stati il 1° turno del 25 agosto , i 32esimi di finale dell’11 settembre, il 3°turno (sedicesimi) del 16 ottobre, gli ottavi di finale del 20 novembre, i quarti di finale dell’11 dicembre, le semifinali del 12 febbraio (andata) e 5 e 6 marzo (ritorno) e la finale di giovedì 3 (e non più mercoledì 2 come in un primo tempo era stato stabilito) aprile 2014.
Albo d’Oro Coppa Italia Dilettanti dall’inizio (1966/67) fino alla stagione 1989/90 , stagioni in cui era riservata alle squadre del 5° e 6° livello del calcio italiano:
1966 /67: Impruneta;
1967/68: S.T.E.F.E.R. Roma ;
1968/69: ALMAS Roma;
1969/70:Ponte San Pietro;
1970/71: Montebelluna ;
1971/72: Unione Valdinievole ;
1972/73: Jesolo;
1973/74: Miranese;
1974/75: Banco di Roma ;
1975/76: Sorinese;
1976/77: Casteggio ;
1977/78: Sommacampagna ;
1978/79: Ravanusa ;
1979/80: Cittadella ;
1980/81: Internapoli ;
1981/82: Leffe ;
1982/83: Lodigiani ;
1983/84: Montevarchi ;
1984/85: Solvay Rosignano ;
1985/86: Cassino ;
1986/87: Avezzano ;
1987/88: Altamura ;
1988/89: Sestese;
1989/90: Breno .
Albo d’Oro Coppa Italia di C.N.D. dal 1991 al 1999:
1990/91:Savona;
1991/92: Torres;
1992/93: Treviso;
1993/94: Varese ;
1994/95: San Severo ;
1995/96:Alcamo;
1996/97: Astrea ;
1997/98: Campobasso;
1998/99:Casale.
Albo d’Oro Coppa Italia Dilettanti (quando il titolo era unificato: vincitrice Coppa Italia di serie D vs vincitrice Coppa Italia di Eccellenza e Promozione Nazionale) dal 1991 al 1999:
1990/91: Savona ;
1991/92: Quinzano;
1992/93: Treviso;
1993/94:Varese ;
1994/95:Iperzola;
1995/96: Alcamo ;
1996/97: Astrea ;
1997/98: Larcianese ;
1998/99: Casale.
ALBO D’ORO COPPA ITALIA DI SERIE D (da non confondere con l’attuale Coppa Italia Dilettanti):
1999/00: Castrense ;
2000/01: Todi;
2001/02: Pievigina;
2002/03:Sansovino;
2003/04:Juve Stabia (oggi in Serie B);
2004/05: U.S.O. Calcio; 2005/06:Sorrento;
2006/07:San Felice Normanna ;
2007/08: Como ;
2008/09: Sapri ;
2009/10: Matera;
2010/11: Perugia;
2011/12: Sant’Antonio Abate;
2012/13:Torre Neapolis (detto anche Turris);
2013/14: Pomigliano
Ecco il quadro Nazionale aggiornato di tutte le squadre che hanno vinto o sono in testa ai propri campionati regionali d’Eccellenza e sono dunque approdate o stanno approdando in Serie D:
Abruzzo : San Nicolò
Basilicata: Rossoblu Potenza
Calabria: Roccella
Campania: Nerostellati Frattese (Nel Girone A) e Virtus Scafatese (Nel Girone B )
Emilia Romagna: Fiorenzuola (Girone A) e Sammaurese * (Girone B)
Friuli Venezia Giulia: Comunale Fontanafredda *.
Lazio: Viterbese Castrense * (Girone A) e Lupa Castelli Romani (Girone B )
Liguria: Argentina * e Magra Azzurri * prime a pari punti.
Lombardia (unica regione che ha tre gironi d’Eccellenza): OltrepoVoghera * (Girone A), Ciserano * (Girone B) e Ciliverghe Mazzano * (Girone C)
Marche: Samb
Molise: Campobasso °
Piemonte e Valle D’Aosta (unica regione che non ha un proprio girone d’Eccellenza): Pro Settimo & Eureka (Girone A) ed Acqui (Girone B)
Puglia: Gallipoli *
Sardegna: Nuorese
Sicilia: Leonfortese (Girone A ) e Tiger Brolo (Girone B)
Toscana: Ponsacco (Girone A) e San Donato Tavernelle (Girone B).
Trentino Alto Adige: Mori Santo Stefano *
Umbria: Villabiagio *
Veneto: Cerea * (Girone A) ed Union Pro Mogliano Preganzio (Girone B).
In neretto le squadre già matematicamente promosse in serie D.
*= Squadre in testa ai propri campionati ma non ancora matematicamente promosse.
°= Ha vinto anche la Coppa Italia Dilettanti.
A queste squadre sopra citate nei rispettivi Gironi di Serie D dove verranno inserite si aggiungeranno le sette vincitrici dei play off nazionali d’Eccellenza e la vincitrice (in questo caso si aggiungerà la migliore semifinalista : Union Arzignanochiampo o Catania San Pio X, visto che le 2 finaliste hanno entrambe vinto il proprio campionato ottenendo già la matematica promozione in Serie D) della Coppa Italia Dilettanti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 415 volte, 1 oggi)