GROTTAMMARE – Un universo parallelo. Ma vivace, radicato e innovativo. Si tratta dei giornali cattolici, diffusi storicamente come settimanali e che negli ultimi anni stanno sempre più diffondendosi come giornali on line. A questa categoria di giornalismo, ma non solo, è dedicata la tre giorni “Pellegrini nel cyberspazio – Primo meeting dei giornali cattolici cartacei e on line” che si svolgerà a Grottammare da giovedì 12 giugno a sabato 14 (tra i relatori anche don Antonio Sciortino, direttore di Famiglia Cristiana). Il convegno si svolgerà alla Sala Kursaal.

Organizzato dal settimanale della diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto L’Ancora, in collaborazione con l’agenzia di notizie Zenit, la Federazione Italiana Settimanali Cattolici (Fisc), il Sir (Servizio di Informazione Religiosa) e l’Ordine dei Giornalisti delle Marche, l’evento si propone appunto come un interessante approfondimento che coinvolgerà giornalisti ed esperti della comunicazione provenienti da tutte le zone d’Italia ma anche dall’estero.

“Conoscere è il primo passo perché ognuno possa esercitare al meglio la propria libertà di scelta – ha scritto in un comunicato indirizzato agli organizzatori il vescovo della diocesi di San Benedetto Carlo Bresciani. Il convegno si rivolge a un settore  quali sono i giornali on line, il mezzo prevalente di comunicazione del futuro”.

Il sindaco di Grottammare Enrico Piergallini si è dimostrato molto soddisfatto di questa iniziativa: “Si tratta di un incontro di alto livello, che è un onore ospitare per la nostra città. Emerge la necessità di un confronto tra pensiero cattolico e pensiero laico in un momento in cui Papa Francesco sta portando alla discussione comune alcuni tempi ritenuti, fino a poco tempo fa, di sinistra addirittura radicale”.

Il peso del giornalismo cattolico, soprattutto a livello locale, è notevole e spesso non ben valutato. Francesca Cipolloni, segretaria nazionale del Fisc, afferma che “nel Fisc aderiscono 190 testate di cui 80 anche on line, con una stima di 1 milione di copie a settimana e 160 diocesi italiane coinvolte. Per questo chiediamo anche che certi tagli ai fondi della stampa no profit siano rivisti, altrimenti le redazioni rischiano di attraversare un difficile passaggio”.

Carlo Cammoranesi, delegato Fisc della regione Marche, elenca i numeri regionali: “Esistono 10 testate cattoliche che constano di 35 mila abbonati e circa 100 mila lettori. Tra l’altro di recente La Voce Picena di Ascoli ha vinto il premio per il concorso dell’8 per mille aggiudicandosi mille euro e un viaggio nella Terra Santa”. Numeri che vengono ribaditi dal presidente dell’Ordine dei Giornalisti delle Marche, Dario Gattafoni: “Da due anni, e questo sarà il terzo, realizziamo un annuario ‘Le Voci delle Marche‘, dove verifichiamo la forza penetrativa delle testate cattoliche, purché non siano esclusivamente confessionali. In questo modo, infatti, riescono a raccontare le storie della gente, cosa che il giornalismo contemporaneo fatica a fare a causa dei ritmi ossessivi”.

Informazioni che vengono confermate da Antonio Gaspari, direttore di “Zenit – Il mondo visto da Roma“, agenzia specializzata su notizie sul Papa che vanta numeri notevoli e traduzioni in sette lingue, con circa 600 mila iscritti alla mailing list e 1,5 milioni di visualizzazioni a settimana: “Internet è un mezzo che ci fa parlare di rinascimento della comunicazione – spiega – Purché si sia in grado di investire su capitale umano appropriato”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 348 volte, 1 oggi)