GROTTAMMARE – In scena, sabato 12 aprile presso la sala Kursaal di Grottammare, lo spettacolo “Filì e Lisandro” alias i“Nonni del Marcuzzo”, portati in scena da Angelo Carestia e Massimiliano Falconi.

Uno speciale omaggio al territorio del Marcuzzo e al pubblico grottammarese, per la serata conclusiva del decennale della rassegna di teatro amatoriale “ Commedie Nostre”.
Angelo Carestia, abruzzese doc e cabarettista simbolo di questa regione, dividerà la scena con Massimiliano Falconi , personaggio marchigiano rivelazione del recente Festival cabaret amoremio.

Lisandro e Filì sono due personaggi , testimonianze dei più nobili valori e della cultura della nostra terra: qualità apparentemente dimenticate ed oscurate dalla frenesia della vita moderna, ma in realtà custodi delle radici della nostra società. Lo spettacolo è ambientato nel vecchio incasato di Grottammare, dove il vecchietto abruzzese Lisandro si reca in visita a Nonno Filì, l’ amico marchigiano.

Insieme ricordano vecchi e divertenti sketch della loro gioventù: l’ apparente nostalgia lascia spazio al ritrovato vigore ed entusiamo del presente; una produzione inedita deò Lido degli Aranci, per la prima volta in scena nella Perla dell’ Adriatico.All’ interno della serata, condotta dalla show girl abruzzese Manuela Cermignani, avverrà l’ attesa premiazione del concorso “ Grottammare Mask”.

Inaugurato in occasione del decennale, vedrà celebrare il premio giuria di qualità e del pubblico tra le sette compagnie che si sono esibite nella recente rassegna: “O scenici” di San Benedetto del Tronto, “ Le cappellette “ di Porto San Giorgio , “ Allegro Palcoscenici” di Tortoreto, “La Nuova” di Belmonte Piceno, “Liberi Teatranti” di Cupra Marittima, “Teatro del Sorriso” di Ancona e “Associazione Teatro Palmense” di Fermo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 174 volte, 1 oggi)