SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo aver detto due volte al sottoscritto che non erano momentaneamente  interessati alla Samb, oggi i Milone e il loro portavoce Gizzi lo hanno annunciato anche al presidente Moneti che avevano invitato a Roma per comunicare la loro decisione.

A sentire il presidente della Samb pare che l’arrivederci alla Samb non sia stato preceduto da una vera e propria trattativa.  O meglio non sembra che siano state fatte offerte per rilevare la società rossoblu. “Sembra che i due Milone e Gizzi parlano lingue diverse, non hanno una linea unica”, ci ha detto il presidente rossoblu.

Il motivo per cui hanno chiamato Moneti a Roma resta comunque oscuro, la logica mi fa infatti dire che non è stato esattamente così, qualcosa, sia il presidente che i Milone, si sono tenuto per loro. Comunque capitolo chiuso e meglio così, da adesso non si parlerà più dei Milone e dell’alone di mistero che li avvolge sin dall’estate scorsa.

Si riapre così la pista Appierto che è stato finora l’unico ad illustrare con chiarezza e  numeri le proprie intenzioni.

Nei prossimi giorni ci aspettiamo novità perché anche stavolta, come dissi a maggio 2013,  ogni giorno che passa senza un’azione verso una nuova società potrebbe diventare ‘mortale’ per le sorti della nostra gloriosa squadra di calcio.

Nella foto Gianni Moneti, Alvaro Arcipreti e il sindaco Giovanni Gaspari

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.688 volte, 1 oggi)