SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una vera e propria guerriglia quella accaduta nel pomeriggio del 6 aprile. I tifosi dell’Ancona stavano rientrando dalla trasferta di Giulianova con un treno regionale, occupando le prime tre carrozze mentre il resto delle carrozze erano occupate da passeggeri normali, perlopiù ragazzi universitari. All’arrivo alla stazione di San Benedetto è scoppiato il caos. Bombe carte e pietre, pare lanciate da qualche tifoso rossoblù, che hanno scatenato la reazione veemente dei supporter anconetani che sono scesi in massa dalla locomotiva per cercare lo scontro fisico.

Nel frattempo diversi carabinieri stavano cercando di ristabilire la delicata situazione aspettando l’arrivo di altre pattuglie. Tutto ciò nel bel mezzo della stazione e nel parcheggio adiacente, rischiando di coinvolgere tante persone ignare di ciò che stava accadendo. Il treno è momentaneamente fermo alla stazione.

Seguiranno aggiornamenti

Aggiornamento ore 19.30 Fortunatamente le forze dell’ordine, intervenute poi in massa, hanno riportato la calma e il treno è potuto ripartire. Le stazioni di Grottammare e Porto San Giorgio sono state presidiate ma non ci sono stati altri scontri. Pare che nel viaggio d’andata siano stati i tifosi dorici, nella sosta alla stazione di San Benedetto, a creare un pò di scompiglio con lo scoppio anche di un petardo.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 13.980 volte, 1 oggi)