GROTTAMMARE – Erano sotto tiro, da parte degli inquirenti da qualche tempo. Un’indagine aperta dal fenomeno dei furti di valore che aveva insospettito le forze dell’ordine. Infine i carabinieri di Ascoli, in collaborazione con i colleghi di Grottammare, hanno arrestato in flagranza di reato due pregiudicati rumeni nei pressi del casello autostradale di Grottammare.

D. V. (32 anni) e D. M. E. (27 anni) avevano nascosto nel cofano della loro macchina, di grossa cilindrata, sei borsoni con 300 telefoni cellulari, 40 macchine fotografiche, videocamere digitali e altre apparecchiature elettroniche per un valore di circa 120 mila euro. I due fermati non hanno saputo chiarire il perché di tanto bottino. I militari hanno controllato, dove provenisse tanta roba preziosa e tramite l’analisi dei codici abbinati hanno scoperto che il tutto proveniva da un negozio Trony di Calcinaia, in provincia di Pisa, svaligiato il 3 aprile.

Gli arrestati sono anche indagati per furti simili nella provincia di Ascoli e Fermo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.143 volte, 1 oggi)