SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Per indicare la tanta disponibilità economica di un soggetto, il più delle volte, nel linguaggio di tutti  i giorni, lo si paragona al pozzo di San Patrizio, per far capire l’infinità della sua ricchezza.

La leggenda infatti vuole, che il pozzo di San Patrizio, sia stato dedicato al santo nella sua terra natia, l’Irlanda, chiunque infatti avesse superato l’ostacolo della sua profondità e fosse riuscito ad oltrepassare il fondo, sarebbe riuscito ad arrivare ad un vero tesoro senza confine costituito dall’accesso al paradiso e la remissione di tutti i peccati.

Oggi la festa di San Patrizio, festa che cade ogni anno il 17 marzo, viene festeggiata in tutte le parti del mondo in cui ci sia una comunità irlandese, in Italia la città che più ne risente è Bobbio in provincia di Piacenza, dato che San Colombano, santo patrono della città era di origini irlandesi e strettamente legato alla figura di San Patrizio.

Dal 14 al 17 marzo, ci sarà una pennellata di cultura irlandese anche nella nostra città, verrà infatti istituito a piazza Mar del Plata, uno stand che camminerà per le tipicità irlandesi dalla cucina alla musica e infine anche attraverso un mercatino.

L’art director sarà Paolo Forlì, ormai organizzatore da vent’anni del Saint Patrick’s day, per quanto riguarda la gastronomia il curatore sarà Papillon, attraverso un ampio menù tipico irlandese.

L’apertura dello stand è prevista per le 19, e l’inizio delle bands live per le ore 22, venerdì 14 saranno i “new colour” di Bologna a battezzare il palcoscenico, seguiti dagli ” the irish spinners” di Roma previsti per sabato 15, domenica 16 si esibiranno i “the ellis road band” di San Benedetto, chiuderanno infine lunedì 17 i “the reebers” di Pescara.

Un evento mirato oltre che alla cultura e alla conoscenza di diverse usanze, anche a dare vivacità ad un periodo dell’anno in cui non ci sono molti eventi a San Benedetto.

Per chi ha criticato queste nuove iniziative, c’è da far capire, quanto esse fanno già parte della nostra cultura,  anche se solo, come per esempio, nei modi di dire e quanto sia costruttivo viaggiare, anche se non fisicamente, in diversi modi di fare o pensare, anche solo per quattro giorni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.121 volte, 1 oggi)