MARTINSICURO – “Sulla viabilità, tanta confusione e mancanza di un disegno unitario che dovrebbe essere alla base di qualsiasi intervento di questa natura”. I consiglieri di minoranza Alduino Tommolini e Massimo Vagnoni attaccano l’amministrazione Camaioni sul sentitissimo tema della viabilità cittadina. Nel mirino di MartinRosa e Progetto Comune sono finiti in particolare il senso unico del lungomare e la possibile riapertura al traffico di piazza Cavour.

“Ci si chiede, infatti – si legge in una nota –  come si concilino gli interventi proposti con le pianificazioni del territorio che dovrebbero essere attuate con il piano regolatore e il piano demaniale, e con le programmazioni messe in cantiere negli scorsi anni, ed oggi inserite all’interno dei progetti regionali e provinciali “Bike to Coast” e “Via Vai Bike sharing”, che vedranno nei prossimi mesi il nostro comune inserito all’interno di finanziamenti per la realizzazione di piste ciclabili e per la dotazione di postazioni e bici per il Bike sharing.
Gli strumenti di pianificazione e le programmazioni di investimenti infrastrutturali dovrebbero costituire il punto di riferimento di qualsiasi intervento sulla viabilità. Gli interventi proposti, tuttavia, anziché essere attuazione anche parziale di un disegno unitario, ci appaiono come l’ennesima iniziativa figlia più della esigenza di fare qualcosa di nuovo che della volontà di dotare la nostra città di un assetto della viabilità che contemperi le esigenze di una città turistica con quelle di residenti ed operatori economici.

Per tale ragione abbiamo sollecitato l’amministrazione a muoversi all’interno di un disegno complessivo partendo dalla revisione del senso unico sul lungomare decisa lo scorso anno che ha inciso in maniera negativa sulla fruibilità del lungomare. Abbiamo quindi proposto di valutare il ripristino della viabilità a doppio senso, prescrivendo in quel tratto il limite dei 30 km /h e il posizionamento di rallentatori. Così facendo si limiterebbero i rischi per la circolazione dovuti alle dimensioni della corsia e nello stesso tempo si garantirebbe una migliore viabilità. Nel frattempo, però, si dovrebbe pensare a programmare un allargamento della corsia utilizzando l’idea progettuale già predisposta negli scorsi anni ed oggetto di imminente valutazione e finanziamento da parte della Regione Abruzzo.

Medesimo discorso vale per la proposta di riapertura di Piazza Cavour. Ipotesi da valutare senza dubbio, ma che necessita, affinché produca gli effetti sperati di rivitalizzazione del centro cittadino, di essere accompagnata da una seria e concreta programmazione di interventi strutturali che possano far tornare accogliente il centro del nostra città.

Bisogna sostanzialmente lavorare affinché il centro torni ad essere un punto di incontro e socializzazione. Ma per far questo non ci pare che la sola riapertura (per la quale andranno predisposti i necessari lavori di adeguamento del manto stradale) possa essere sufficiente. Per tale ragione, dopo aver rimandato a tempo indeterminato la ristrutturazione dell’ex cinema Ambra, torniamo a chiedere all’amministrazione almeno di inserire nel proprio programma di opere pubbliche un idea progettuale della piazza.

Istanza già proposta più di un anno fa, quando indicammo alla stessa di utilizzare il mutuo per la ristrutturazione del cinema per programmare un importante intervento strutturale che passasse attraverso una rivisitazione dell’attuale conformazione di Piazza Cavour. Le scelte poi sono state altre, e intanto la situazione del nostro centro peggiora giorno dopo giorno, senza che chi ci amministra dimostri di avere almeno una idea su come provare a rendere il nostro centro più attrattivo. Su questi aspetti chiederemo un confronto pubblico nelle sedi istituzionali”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 424 volte, 1 oggi)