ROMA – Nel giorno delle turbolente dimissioni di Enrico Letta, un’altra notizia turba il Pd, stavolta marchigiano: la Commissione Nazionale del partito ha respinto le decisioni adottate dall’organo regionale martedì scorso, confermando per domenica 16 febbraio il Congresso regionale, che vedrà sfidarsi Francesco Comi e Luca Fioretti.

Confermata quindi l’esclusione di Luca Ceriscioli. Il sindaco di Pesaro è stato spedito in tribuna in virtù della rigorosa applicazione dell’articolo 8 dello Statuto del partito, che nega l’elezione a chi già ricopre la carica di primo cittadino in una città capoluogo.

A San Benedetto tre saranno i seggi attivi: uno a nord (Via Manara), uno al centro (Via Balilla) e un altro a Porto d’Ascoli (Via Damiano Chiesa). Potranno votare dalle 8 alle 20 tutti i soggetti che avranno compiuto 16 anni e che verseranno 2 euro.

Nel Piceno, Ceriscioli aveva ottenuto il supporto dei sindaci Gaspari e Lucciarini, oltre che dell’onorevole Agostini. Una bocciatura che rappresenta una sconfitta politica anche per loro, a questo punto rimasti senza rappresentanti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 270 volte, 1 oggi)