SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un simbolo della città sambenedettese giunge alla fine. O meglio alla chiusura. La storica sala giochi Sotterranea chiude dopo 45 anni di vita. Una sala giochi che ha visto protagonisti tre generazioni di sambenedettesi e non solo. Dal 1978 era gestita da Nicola Pandolfi ma a inaugurarla fu Alfredo Buttafoco. Una scalinata, quella che portava all’area giochi, diventata un mito. All’interno erano presenti tavoli da ping pong, biliardini, flipper e i primi videogiochi fino all’avvento di quelli più innovativi.

Dietro alla saracinesca che ha sancito la chiusura dello storico locale, rimangono i numerosi ricordi di ragazzi e ragazze di ogni età che hanno condiviso esperienze, amicizie, storie d’amore e molte “fughe” dalla scuola.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.235 volte, 1 oggi)