GROTTAMMARE – Tavolo tecnico martedì 4 febbraio per la questione Adriaoli Srl, il sansificio posto in Valtesino al centro delle proteste per via dei fumi di combustione. La riunione, alla quale erano presenti rappresentanti dell’Arpam, della Provincia di Ascoli Piceno, della Guardia forestale dello Stato e del Comune di Grottammare, era stata convocata dal sindaco Enrico Piergallini per conoscere le misure adottate dagli enti preposti alla verifica e al controllo sull’attività del sansificio, a seguito di un rapporto dell’Arpam sul superamento di alcuni valori riferiti alle emissioni in atmosfera prodotte dalla ditta.

Gli impianti di lavorazione della ditta Adriaoli srl sono inattivi dal 16 gennaio, come accertato dal comando della polizia municipale a seguito del sopralluogo disposto dal primo cittadino immediatamente dopo la nota dell’Arpam sulla qualità delle emissioni rilevate: “Le uniche attività ancora in corso – si legge nel verbale – sono quelle di manutenzione ordinaria e vendita del materiale (sansa essiccata) ancora in deposito”.

Durante l’incontro, l’Arpam ha confermato i dati contenuti nel rapporto e gli enti intervenuti si sono riservati di adottare i provvedimenti di propria competenza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 344 volte, 1 oggi)