SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un addio annunciato, che non sorprende affatto il sindaco Gaspari. “Il passaggio di Emili e Pezzuoli al Gruppo Misto? Nessuno è balzato dalla sedia. Se ne parlava da un anno e mezzo, penso fosse giunto il momento di fare chiarezza”.

Lo strappo originario sulla delibera del distributore di benzina, la mancata approvazione del Bilancio di Previsione, il tentativo di mandare a casa la giunta non garantendo il numero legale in Consiglio: “Difficile coabitare con posizioni così diverse in uno stesso gruppo – osserva il sindaco -sono convinto che in politica non esista il mai e il per sempre. La politica guarda avanti”.

Eppure, nel Pd non sono pochi i tesserati a sperare ancora in una riappacificazione. Compreso l’onorevole Luciano Agostini, rammaricato per l’epilogo della faccenda: “Non aveva senso prendere ulteriore tempo. La domanda deve essere svolta a chi ha compiuto la scelta di creare il gruppo misto. La Emili è una dirigente importante, con una storia alle spalle rilevante, tra Pci, Pds, Ds e Pd. La decisione è stata sofferta e dolorosa, non fatico a crederle. Quando ci si divide e la separazione non è consensuale rimane sempre dell’amaro in bocca”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 312 volte, 1 oggi)