SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Pronti ad intervenire. Legambiente tende la mano al Comune sulla questione writers: “Se autorizzati, siamo disponibili a mettere in campo una squadra di volontari, per ripulire i muri”.

L’associazione sambenedettese avrebbe individuato come priorità Viale Secondo Moretti e la pineta Olindo Pasqualetti. “Sono il salotto della città. Le forze dell’Ordine e la Magistratura dovrebbero intensificare i controlli e mostrare maggiore rigore nella valutazione del fenomeno, quindi dei suoi responsabili. Occorre un’azione concertata con l’amministrazione. Inoltre, i privati dovrebbero contribuire ad individuare e segnalare gli autori delle scritte”.

http://www.youtube.com/watch?v=ZRITf-8ZAjQ

Il processo di ripulitura avverrebbe  con un apposito apparecchio messo a disposizione della Multiservizi in grado di rimuovere completamente i graffiti, senza andare ad intaccare il colore originario del muro. Il sistema, a doppia funzione – ovvero idrolavaggio con carbonati e altri minerali e sabbiatura a secco – risponde a esigenze riguardanti vetrate, profili in alluminio e acciaio, marmi non porosi, ma anche strutture in pietra e laterizi delicati. Il costo è 20 euro per ogni metro quadrato da smacchiare.

“Il Comune – conclude Legambiente – avvii un serio piano anti-degrado, restituendo decoro a San Benedetto”. La giunta risponderà all’appello?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 402 volte, 1 oggi)