PADOVA – Enrica Cipolloni, atleta icona dell’atletica sambenedettese, ha vinto un altro titolo italiano. Ma stavolta è un titolo speciale, dopo i sette già vinti nella sua folgorante carriera, poichè si tratta del primo vinto nella categoria assoluta.

L’atleta, che attualmente milita nelle Fiamme Oro, ha vinto a Padova il titolo iridato di prove multiple di pentathlon al coperto, sbarazzando tutte le avversarie con un crescendo prodigioso che l’ha portata al suo primato personale che le ha consentito di abbattere la barriera dei 4000 punti.

Infatti la neo campionessa, 23 enne, ha vinto con 4036 punti lasciando l’argento a Cecilia Ricali che non è andata oltre i 3846 punti e conseguendo, nell’arco delle cinque prove, ben tre primati personali al coperto : 8”88 nei 60 metri ad ostacoli, 1,85 nel salto in alto, 12,75 nel lancio del peso, 5,80 nel salto in lungo e 2’41”22 nella prova finale degli 800 metri.

Una menzione particolare va all’allenatore della Cipolloni , il Professore Francesco Butteri, che ha saputo ricostruire il talento e la determinazione dell’avvenente atleta di casa nostra dopo il delicato intervento di artoscopia dello scoso anno, rilanciandola ai vertici nazionali delle prove multiple, disciplina nella quale il tecnico sambenedettese è considerato un vero e proprio guru internazionale della specialità.

Enrica, cresciuta nel vivaio della Collection Atletica Sambenedettese, conferma ancora una volta, se ce ne fosse stato bisogno, dello straordinario stato di grazia che l’atletica sambenedettese vive negli ultimi anni sotto la sapiente regia del Presidente Stefano Cavezzi. Infatti l’inizio della stagione indoor ha già vista ribadita la leadership regionale della società rivierasca soprattutto a livello giovanile ribadendo la continua ascesa che ha reso la città di San Benedetto del Tronto un’isola felice dell’atletica azzurra.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 720 volte, 1 oggi)