ASCOLI PICENO – Era noto all’erario quale odontotecnico ma, come accertato dalla Guardia di Finanza, svolgeva anche l’attività di dentista, esercitata tuttavia in assenza di ogni requisito imposto dalle leggi, primo tra tutti il conseguimento della laurea in odontoiatria. Un vero e proprio “falso dentista” quello incappato nelle attenzioni investigative, individuato inseguendo le voci relative a prestazioni professionali praticate da un dentista locale a prezzi alquanto convenienti visto i tempi di attuale crisi economica.

Le Fiamme Gialle hanno scoperto in realtà, presso l’individuato comprensorio, che non esisteva alcuno studio dentistico, circoscrivendo quindi il contesto d’indagine nei confronti di un odontotecnico, il cui laboratorio è nel frattempo risultato frequentato, in maniera anomala, da un discreto numero di persone. All’interno del laboratorio i militari hanno rinvenuto diverse attrezzature utilizzate per le sole prestazioni odontoiatriche, procedendo pertanto al sequestro di un blocco modulare di trapani, numerose quantità di cannule per l’aspirazione della saliva, specchietti mandibolari, confezioni di carte-articolazioni, “cucchiai” per le impronte mandibolari e pistole per il fissaggio della pasta utilizzata per la rilevazione delle stesse impronte, strumenti tutti destinati all’esclusivo uso dei medici professionisti.

Le attenzioni proseguono ora a degli accertamenti di natura economico-finanziaria, finalizzati, tra l’altro, a individuare l’effettiva consistenza della platea dei clienti che hanno inteso ricorrere nel tempo alle prestazioni illegali dello pseudo-odontoiatra, anche sulla propria salute e sull’igiene garantite, invece, dai medici professionisti che, come riscontrato dagli agenti, sono state assolutamente trascurate dal falso dentista”. Infatti, non ricorreva nemmeno alle procedure di sterilizzazione degli strumenti utilizzati sulle persone.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 665 volte, 1 oggi)