SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si terrà lunedì prossimo, a partire dalle 21, la prima Unione Comunale del Pd del 2014. La segretaria comunale ha inviato la convocazione ai componenti del gruppo, elencando anche i temi che verranno affrontati durante la serata: si partirà con la riorganizzazione del partito, seguita dalla presentazione e dalla votazione  dell’esecutivo, per poi passare all’illustrazione della bozza di regolamento, probabilmente sulla scia della volontà di redigere uno statuto comunale, ad oggi inesistente.

Nessun riferimento palese al caso dei dissidenti Emili-Pezzuoli e alla questione socialista. A cavallo tra Natale e Capodanno, il coordinatore Umberto Pasquali aveva chiesto un incontro alla Gregori per verificare l’esistenza di elementi politici e programmatici che possano far proseguire l’appoggio del Garofano alla maggioranza fino al termine del mandato di Giovanni Gaspari. “Abbiamo dato tempo fino all’11 gennaio – dice Pasquali – se non ci contatteranno prenderemo le nostre decisioni. Io parlo a nome del partito: Laversa lo rappresenta in Consiglio e Sestri in giunta. Attualmente non ci sono aggiornamenti, non sappiamo niente”.

La segretaria dei democrat nega con foga l’esistenza di frizioni: “Con Umberto ho un rapporto splendido. Ci vediamo spesso, non ci sono dissidi”. Ma lui ribatte con altrettanta fermezza: “Se ci si incontra per strada è un discorso, l’ufficialita’ di un confronto è un’altra cosa. Una volta discusso con il Pd organizzeremo una conferenza stampa. Per adesso non ci sbilanciamo, non sarebbe corretto”.

I Socialisti, e non è un mistero, spingeranno per l’attuazione di alcuni interventi contenuti nel programma di mandato stilato nel 2011 e non più prorogabile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 271 volte, 1 oggi)