MARTINSICURO – Dopo la letterina a Paolo Natale dello scorso 23 dicembre, in cui i commercianti chiedevano al sindaco di Martinsicuro, Paolo Camaioni, di sistemare la voragine, apertasi dopo il passaggio del ciclone Venere su una parte di marciapiede del lungomare, arriva una nuova singolare protesta.

Il primo cittadino, in risposta all’ironica lettera, aveva assicurato che i lavori sarebbero iniziati già il 2 gennaio, ma così non è stato e i commercianti, nella mattinata di sabato 4 gennaio, hanno sistemato nei pressi della buca un Pinocchio gigante artigianale.

Sulla pancia del pupazzo sono stati affissi alcuni articoli di Rivieraoggi.it nei quali il sindaco aveva annunciato i lavori di sistemazione della buca e la pulizia dell’arenile, uscito fortemente provato dalle ondate di maltempo dei mesi scorsi (“Piano Spiaggia, la giunta Camaioni replica all’Udc“, “Ciclone Venere, Camaioni chiede lo stato di calamità“, “Consiglio Comunale Aperto, le considerazioni della giunta Camaioni“).

Inoltre, è stato appeso anche un altro cartello con su scritto: “Lascia perdere Facebook, i mi piace non sistemano. Dal 18/11/2013 ad oggi il nulla. Vergogna!”.

Non tarda ad arrivare una prima reazione del sindaco che su facebook posta una foto di un documento ufficiale e scrive: “A dimostrazione dell’autenticità di quanto scritto lo scorso 23 Dicembre ed al fine di confermare che da questa parte si comunicano soltanto notizie che risultano da atti ufficiali, ho il piacere di pubblicare la nota prot. 321317 del 19 Dicembre 2013 ricevuta dal Servizio Opere Marittime, invitando chi è sempre pronto a strapparsi le vesti ad ogni stormir di fronda ed a giudicare con grande superficialità il lavoro che si sta portando avanti, a documentarsi con attenzione sul significato dell’avverbio presumibilmente “.

 Una vicenda che comunque tornerà a far discutere e a tenere banco anche nei prossimi giorni.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.093 volte, 1 oggi)