GROTTAMMARE – Tornano gli appuntamenti con l’associazione culturale Blow Up e il 2014, si inizia con “Switch Off: La TV che visse due volte” è un interessante proposta laboratoriale sulla televisione che prosegue il percorso iniziato negli anni passati con i bellissimi e partecipatissimi incontri dedicati alla storia del cinema, al linguaggio cinematografico e ai generi cinematografici. Per il quarto anno “formativo” viene proposto un viaggio nel linguaggio televisivo in 3 puntate: un percorso dunque breve e “libero” che ha l’intento di offrire alcuni spunti di riflessione critica sulle modalità espressive della Tv nell’epoca della sua digitalizzazione. Tutti gli incontri si svolgeranno alle ore 16.30 presso la Biblioteca/Mediateca Comunale di Grottammare.

Si comincia il 4 gennaio con “Televisione. Tracce, fantasmi, mutamenti”: se il medium è il messaggio, ogni medium produce contenuti propri e risponde in modo originale alle esigenze della società. Nel caso della televisione vale anche il contrario: la societa’ stessa viene sempre piu’ condizionata dal mezzo televisivo. Lasciandoci condurre nel caso italiano grazie a una serie di link, intuizioni e suggestioni, si proverà a capire come siamo passati da una televisione di classe, specchio di un’elite, a una televisione ritagliata intorno al consenso della maggioranza, per arrivare oggi a una tv attenta e reattiva alla moltitudine, l’incerta societa’ plurale nella quale siamo immersi.

La prima puntata sarà curata da Tommaso La Selva, membro dell’associazione Blow Up e co-autore del volume “Sex and violence. Percorsi nel cinema estremo“. Si prosegue poi il 18 gennaio con “Serie e Serial: il ventre onnivoro della TV postmoderna”, seconda puntata dedicata a arte e contemporaneità centrifugate nel piccolo schermo, curata da Sergio Vallorani, docente di cinematografia dell’associazione Blow Up, Massimiliano Marcozzi, membro dell’associazione Blow Up, e Luca Parmegiani, docente di Storia dell’Arte, saggista e artista.

Si conclude infine il 12° febbraio con “I bambini e la TV: guida ad un uso consapevole”, terza e ultima puntata dedicata al tentativo di ribaltare alcuni luoghi comuni sulla fruizione televisiva dei bambini, curata da Fabrizio Leone, docente di cinematografia e televisione dell’associazione Blow Up. Al montaggio e al mixer video ci sarà per tutti gli appuntamenti Giovanni Massa, dell’associazione Blow Up.

Visto il successo dei precedenti corsi e la limitata disponibilità di posti, è necessario iscriversi (associazioneblowup@email.it). Poi, come per tutti gli altri appuntamenti della stagione, per partecipare agli incontri sarà sufficiente acquistare la tessera F.I.C. 2013-2014 a soli 10 euro: l’ingresso sarà da quel momento sempre gratuito (rimangono ancora 16 iniziative). Una scelta anti-crisi che cerca di far avvicinare tutti gli interessati e sopratutto i giovani delle scuole superiori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 269 volte, 1 oggi)