OFFIDA – Si tirano le somme del 2013, anche se le tasche dei comuni italiani sono sempre più vuote e la loro figura viene sempre di più accomunata a un riscossore delle tasse, il sindaco di Offida Lucciarini anche quest’anno ha cercato di promuovere l’antica cittadina.

Tanti i traguardi raggiunti in quest’ultimo anno come ad esempio per quanto riguarda il turismo, si è puntato sulla qualità e l’eccellenza dei prodotti offerti dal territorio in modo da far diventare la città di Offida una vera e propria vetrina ricca di eventi, dal carnevale tipico, alla riqualificazione della via dei merletti a tombolo, il “Jazz and wine”  appuntamento per fondere cultura musicale con il piacere di degustare vini tipici della zona e il campionato mondiale di ciclismo.

Oltre a questo anche il risanamento delle strade, come ad esempio via 4 novembre, l’istallazione del segnale WI-FI nella zona di Borgo Miriam, messa in sicurezza e riqualificazione del  lido per l’infanzia peter pan, “tant’è che ci siamo consumati le forbici a furia di inaugurare”.

Tanti sono anche i progetti per il futuro. “Ci ricandideremo nel 2014”, ha precisato il primo cittadino, ma  “non sulla base di promesse bensì sul rendiconto di questi anni in cui ci siamo insediati”.

Spazio dato anche su una riflessione sul problema sanità, “una politica sanitaria che ha portato all’indebolimento dei due presidi ospedalieri, quello di San Benedetto del Tronto e quello di Ascoli Piceno, non si garantiscono dei servizi ottimali al cittadino, ad Offida il laboratorio oculistico vive una sorta di martirio, infatti anche se ci sono lunghe liste d’attesa, in alcuni mesi grazie agli ingenti tagli non è possibile effettuare delle visite.”

Sempre sull’argomento le parole di Lucciarini hanno rimarcato il bisogno di ” un vero e proprio cambio di passo, niente contro Stroppa, non è antipatia, ma se dopo due anni e due mesi, non si risolve nulla, bisogna iniziare a cambiare chi non funziona”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 399 volte, 1 oggi)