COLONNELLA – Questa sera (giovedi 19 dicembre) presso la bocciofila nella contrada S. Giovanni, è stato indetto dall’amministrazione comunale di Colonnella un Consiglio Comunale Straordinario Aperto per richiedere lo stato di emergenza per eventi atmosferici, avvenuti i primi di dicembre, e per sollecitare le autorità competenti riguardo l’esecuzione dei lavori d’urgenza ed indifferibili sul fiume Tronto.

“Al Consiglio Comunale – dice il sindaco di Colonnella, Leandro Pollastrelli –  sono stati invitati tutti i sindaci delle cittadine interessate al problema e più precisamente il sindaco di S. Benedetto del Tronto,  Monteprandone,  Monsampolo, Spinetoli, Martinsicuro, Controguerra ed Ancarano, in modo da fare fronte comune verso gli organi competenti della Regione Marche ed Abruzzo, al fine di far eseguire lavori di manutenzione sia sull’alveo del fiume Tronto che sugli affluenti laterali”.

“Il nostro territorio – continua il primo cittadino – è quello che ha subito in modo più pesante la conseguenza della mancata manutenzione del fiume con l’allagamento dell’intera zona industriale e della frazione S. Giovanni, con ingenti danni sia al patrimonio pubblico che privato. Questa situazione non è più sostenibile e tutti i comuni coinvolti sono a rischio esondazione ogni qualvolta si verifica un evento piovoso più marcato.

Questa volta l’allagamento delle aree, delle industrie e della abitazioni  è avvenuto a causa dello scarico a monte delle tre dighe  per un quantitativo di circa 400 mc/sec, che ha causato l’innalzamento del livello dell’acqua ed il deflusso alle aree circostanti a mezzo degli scarichi fognari e dei fossi. Con questa situazione di abbandono e mancato dragaggio del fiume, alle prossime piogge primaverili ci troveremo nuovamente a fronteggiare aventi alluvionali sempre più marcati e dannosi per i nostri territori e pertanto abbiamo il dovere di fare fronte comune e chiedere alle autorità interventi d’urgenza ed indifferibili”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 181 volte, 1 oggi)