MONTEPRANDONE – Passato il 15 dicembre, eletto Matteo Renzi alla segreteria del Partito Democratico, il sindaco di Monteprandone Stefano Stracci scioglie quella “riserva” riguardo la sua candidatura per il secondo mandato: “Lo abbiamo deciso venerdì scorso, aprendo anche alla possibilità che si svolgano delle primarie, come stabilito dallo Statuto del Partito Democratico, sia all’interno del Pd che nella coalizione che sosterrà il candidato”.

“Mia intenzione è quella di ampliare lo schema a sostegno della lista Uniti per la Città, che era già aperta alle forze civiche, ma che desidero allargare ulteriormente a tutte le intelligenze cittadine, anche provocatorie in questa fase, in modo da scrivere tutti insieme un programma che dovrà prevedere un rinnovamento della classe dirigente ma anche una innovazione politica” continua il sindaco.

Stracci si dice aperto anche verso chi “vota o ha votato più a sinistra del Pd, o il M5S”. Tra i meriti che ascrive al suo primo mandato, proprio in relazione alle “tematiche del M5S che ha avuto il pregio di obbligare gli altri partiti a rinnovarsi” Stracci segnala la raccolta differenziata al 74%, “primo comune della Provincia e grazie a questi risultati abbiamo ridotto la Tares perché abbiamo portato il conferimento da 4,7 milioni di chilogrammi annui a 1,7 milioni e in futuro saremo il primo comune a sperimentare il conferimento personalizzato coi sacchetti col codice a barre”. Inoltre Stracci ricorda i “150 mila euro destinati al lavoro stanziati dal Comune e il progetto Secin con il quale assegniamo 150 euro per piccoli lavori: vorrei ricordare la consegna della posta comunale, che attraverso il Secin costa un quarto rispetto alla spesa per francobolli, nonostante gli invii quintuplicati”.

Una ulteriore novità potrebbe riguardare l’assegnazione di abitazioni attraverso dei container, che l’amministrazione sta provvedendo ad ottenere, e che potrebbero ospitare, in spazi di 60-65 metri quadrati, famiglie le quali, pagando 150 euro al mese, potrebbero riscattarne la proprietà”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 412 volte, 1 oggi)