MONTEPRANDONE – Domenica 8 dicembre alle ore 11 l’Ambasciatore dell’Ungheria presso la Santa Sede insieme ai suoi collaboratori ha visitato Monteprandone, terra natale di San Giacomo della Marca. La delegazione ungherese proveniva da Sarnano, dove il 6 e il 7 dicembre ha partecipato ad un importante convegno dal tema “Osservanza francescana e Cultura in Italia e Ungheria tra ‘400 e primo ‘500”.

Con la visita degli illustri ospiti ungheresi si è concluso il ricco programma di iniziative culturali che ha caratterizzato l’edizione 2013 dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono San Giacomo della Marca. La delegazione di diplomatici ungheresi, guidata dall’Ambasciatore presso la Santa Sede e dal direttore dell’Accademia Ungherese in Italia, ha visitato la chiesa del Santuario dove ha partecipato alla celebrazione della Santa Messa animata dalla “Corale Polifonica San Giacomo della Marca” diretta dal maestro Primo Scipioni.

E’ stata accolta dal Vicesindaco Romano Speca in rappresentanza del Sindaco Stefano Stracci e dell’Amministrazione Comunale. Terminata la funzione religiosa, Padre Lorenzo Turchi ha accompagnato gli illustri ospiti nella visita al Museo Sistino Giacomiano allestito nel locale adiacente al chiostro del Santuario.

Padre Lorenzo ha illustrato loro oggetti e suppellettili appartenuti al Santo monteprandonese, esposti nelle bacheche del Museo.  Profondo è stato l’interesse della delegazione ungherese per le preziose testimonianze della vita del grande francescano.

Prima della partenza non poteva mancare la visita al Museo Civico della libreria di San Giacomo della Marca, dove sono esposti i 61 codici appartenuti al Santo, tra i quali i quattro autografi e la lettera di San Giacomo della Marca a San Giovanni da Capestrano.
Di particolare pregio i codici miniati, i cui incipit sono impreziositi da incisioni su foglia oro.

Nella foto, la delegazione dei diplomatici ungheresi al Museo Civico con il vicesindaco Romano Speca.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 202 volte, 1 oggi)