SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Uno degli appuntamenti più antichi della città, cioè la tradizionale fiera di Santa Lucia che risale al 1860 circa, si svolge come da tradizione il 13 dicembre. Inizialmente tale mercatino era destinato alla vendita del bestiame che scendeva dal quartiere di Santa Lucia per arrivare al centro cittadino.

Il 13 ed il 14 dicembre tutto il centro cittadino, compreso tra piazza San Giovanni Battista, piazza Garibaldi, via Montebello, viale Secondo Moretti, piazza Giorgini, viale Buozzi, via Milanesi e via marinai d’Italia sarà invaso da circa 300 espositori che allestiranno le proprie bancarelle, ma non mancheranno tanti intrattenimenti per i bambini e gli adulti. Gli stand ospiteranno prodotti alimentari, artigianali, passando per piante, fiori e animali. Spazio anche per le associazioni no-profit.

Durante la fiera l’associazione culturale “arte & 20” di Tamara Aureli trasformerà piazza Matteotti in una favola natalizia.

Venerdì dalle 15.30 ci sarà la banda dei babbi natali composta da 24 elementi che avranno la postazione fissa in piazza e poi gireranno e suoneranno le melodie più famose per tutta la fiera; per riproporre l’atmosfera e per ravvivare la tradizione sambenedettese ci saranno le retare che, insieme a Giuseppe Ricci, si esibiranno in scenette in vernacolo. La scenografia sarà  creata ad hoc e ci saranno abeti, neve, balocchi, pacchi e tante “nataline” che doneranno dolci e giocattoli ai piccini. Le “nataline” accompagneranno delle mascotte Disney per tutto il mercatino e doneranno dolci.

Sabato 14 alle 16.30 e alle 18 ci sarà l’esibizione di 25 bambine, della scuola di danza di Valentina Paci, sulle note di brani natalizi.

Alle 17 sul palco di piazza Matteotti ci sarà l’esibizione in dialetto sambenedettese dell’associazione teatrale “ribalta picena”.

Per concludere il week end della fiera, alle 18.30,  la corale “Ancora in coro” si esibirà con 50 elementi in un grande concerto gospel. La corale polifonica “Ancora in coro” (ri)nasce nel settembre del 2010 dal nucleo principale del coro parrocchiale di San Giuseppe così come si era consolidato nel corso dei primi anni ‘90 sotto la direzione artistica del Maestro Barbara Salibrici, prematuramente scomparsa nel gennaio 2010. Nonostante i tanti anni trascorsi, la passione di ognuno per la musica e il canto è rimasta pressoché intatta e la voglia di ritrovarsi ancora insieme è stata così forte da riuscire a preparare un repertorio di brani Natalizi in appena tre mesi. È così che il primo concerto di Natale si è tenuto nella chiesa dei Padri Sacramentini il 26 dicembre 2010 e ripetuto anche per gli anni successivi, diventando un appuntamento fisso per la città di San Benedetto del Tronto. Dopo tali esperienze, l’entusiasmo è cresciuto e il successo ottenuto ha spinto altri coristi ad unirsi al nucleo iniziale, fino a raggiungere il numero di 50 elementi.

La spesa per l’amministrazione comunale si aggira attorno ai 4 mila euro. “Il saldo sarà positivo – spiega Urbinati – in considerazione degli incassi che deriveranno dall’occupazione del suolo pubblico degli stand. Una cifra che investiremo per altri eventi in sostegno del commercio”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.413 volte, 1 oggi)