CUPRA MARITTIMA – Altro fine settimana con cinema di qualità al Cinema Margherita di Cupra Marittima, che propone le pellicole “Il passato” di Asghar Farhadi e “Vado a scuola” di Pascal Plisson. I film saranno proiettati, dopo l’anteprima di venerdì, da sabato 7 dicembre a lunedì 9.

Orario degli spettacoli

Il passato di Asghar Farhadi


sabato 07 dicembre ore 21,15
domenica 08 dicembre 18,30-21,15

Vado a scuola di Pascal Plisson
domenica 08 dicembre 16,30
lunedì 09 dicembre ore 21,15

Il passato di Asghar Farhadi, con Bérénice Bejo, Tahar Rahim, Ali Mosaffa, Pauline Burlet, Elyes Aguis. Il film è stato presentato al Festival di Cannes 2013, dove è stata premiata l’attrice protagonista Bérénice Bejo con il Prix d’interprétation féminine.

Il passato: Dopo quattro anni di separazione, Ahmad arriva a Parigi da Teheran, su richiesta di Maria, la moglie francese, per espletare le formalità del loro divorzio. Durante il suo breve soggiorno, Ahmad scopre il rapporto conflittuale che Maria ha con sua figlia, Lucia. Gli sforzi di Ahmad per cercare di migliorare questo rapporto sveleranno i segreti di un passato a lui sconosciuto. (www.trovacinema.it)

“Asghar Farhadi si è fatto conoscere sugli schermi occidentali grazie all’Orso d’argento vinto al Festival di Berlino con About Elly e ha confermato le sue qualità con il successivo Una separazione (vincitore, tra gli altri premi, di un Oscar di cui la stampa ufficiale iraniana non ha dato notizia all’epoca). Ora con The Past offre un’ulteriore conferma delle proprie doti di scrittura oltre che di regia. Lo spazio architettonico e sociologico è mutato. La casa di vacanza e la dimensione urbana della capitale iraniana vengono ora sostituiti da una Parigi periferica così come periferiche sono apparentemente le une per le altre le vite dei protagonisti.
[…] Farhadi ci ricorda che per guardare avanti nelle nostre esistenze è indispensabile prendere atto del passato (remoto o prossimo che sia) evitando di rappresentarlo a noi stessi grazie a rimozioni che rendano più accettabile il peso. Il vetro che separa (e forse protegge) Ahmad e Marie all’aeroporto è presto destinato ad andare in pezzi. Saranno lo sguardo ribelle del piccolo Fouad (figlio di Samir) e quello solo apparentemente rassegnato della coetanea Léa a provocare le prime crepe. Perché i bambini, come al cinema ci ha insegnato Vittorio De Sica, ci guardano e ci giudicano. Anche quando sembrano pensare alla catena saltata di una bicicletta o a un elicottero telecomandato finito su un albero in giardino.” (Giancarlo Zappoli – mymovies.it)

Vado a scuola di Pascal Plisson. Il film è un documentario ed è stato presentato al Festival di Locarno del 2013

Vado a scuola: Il film narra le storie di quattro bambini, provenienti da angoli del pianeta differenti, ma uniti dalla stessa sete di conoscenza. Dalle savane sterminate del Kenya, ai sentieri tortuosi delle montagne dell’Atlante in Marocco, dal caldo soffocante del sud dell’India, ai vertiginosi altopiani della Patagonia, i quattro protagonisti, Jackson, Zahira, Samuel e Carlito sanno che la loro sopravvivenza, dipenderà dalla conoscenza e dall’istruzione scolastica. (www.trovacinema.it)

“Potrebbero essere sufficienti le informazioni di cui sopra per fare emergere l’interesse che un documentario come questo dovrebbe suscitare in chi ha a cuore la crescita dei nostri giovani. Perché non c’è nulla di meglio che vedere le difficoltà che questi bambini e bambine debbono superare per andare a ricevere un’istruzione per far comprendere quanto sia sbagliato l’atteggiamento non tanto di rifiuto nei confronti di questo o quell’elemento della scuola (tutti abbiamo trovato l’insegnante o la materia che non amavamo) quanto piuttosto quello dell’annoiata indifferenza. Uno spettacolo di Dario Fo del 1969 si intitolava “L’operaio conosce 300 parole, il padrone 1000: per questo è lui il padrone”. I protagonisti di questo film, girato da Pascal Plisson dopo una lunga permanenza nelle quattro zone, hanno la determinazione giusta, dettata da una povertà che potremmo definire anche con il termine di miseria nella quale però non intendono restare passivamente a pietire. Gli spazi che debbono attraversare possono anche apparire affascinanti a chi vive comodamente e trova che dover andare a scuola senza un mezzo motorizzato sia una inutile fatica.
Plisson marca i percorsi con cifre precise e anche quando si ha l’impressione (che è qualcosa di più di un’impressione) che si siano ‘costruite’ le inquadrature un po’ come si fa in certi documentari naturalistici è bene pensare che proprio la conoscenza approfondita delle vite di questi bambini e bambine ha permesso di riprendere, anche con qualche accorgimento visivo, quella che per loro è e resta una quotidiana, dura realtà. Che ha però davanti a sé una meta da raggiungere per l’immediato presente ma, anche e soprattutto, per il futuro.” (Giancarlo Zappoli – mymovies.it)

Anche per la stagione 2013-2014 il Cinema Margherita propone la Tessera Acec Marche. La tessera costa € 5, permette di avere 5 ingressi ridotti, più uno in omaggio, ed è utilizzabile in tutte le Sale Acec Marche.

Ingressi: € 6,50 interi, € 5,00 ridotti
Ingresso universitari: € 4,00

 

Prossimamente:
La mafia uccide solo d’estate di Pif (Pierfrancesco Diliberto), Venere in pelliccia di Roman Polanski, Zoran il mio nipote scemo di Matteo Oleotto, Blue Jasmine di Woody Allen

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 202 volte, 1 oggi)