PORTO SAN GIORGIO – Si torna a calcare il parquet del PalaSavelli, questa sera, dopo due settimane dal derby marchigiano. In mezzo c’è stata una faticosa trasferta in quel di Siena, dove la squadra gialloblu non è riuscita a spezzare il trend negativo dei match fuori casa. Si spera quindi di emulare il precedente incontro casalingo, stavolta con la Cimberio Varese.

L’avvio di gara è favorevole agli ospiti che subito acquistano un lieve vantaggio sulla padrona di casa. Il distacco è gestibile, ma presto si nota una certa sofferenza nell’aggredire il canestro. Fino a metà del parziale, Montegranaro gestisce la distanza e trova il pareggio con un canestro di Cinciarini (10-10). Purtroppo una bomba di Polonara si fa beffe del tentativo di impostare la gara in salita (10-13). La Sutor prova ad organizzare meglio la difesa e come risposta, dal versante opposto, trova un’offensiva giocata dall’arco: due volte Clark punisce le guardie gialloblu e realizza un + 7 che preoccupa. Non giovano a nulla tentativi solipsisti e iniziative disperate, come quella di Collins che spreca in malo modo l’ultimo possesso prima del fischio della fine del quarto. Il gap è sempre di 7 punti: 14-21.

Ricomincia pressando Varese e gioca duro in difesa. In particolare Coleman, che si accanisce su Cinciarini rimediando due falli, di cui il secondo, un antisportivo, regala due liberi alla Sutor, puntualmente segnati da Mayo (19-24). E’ il momento di tre Italiani in campo che tengono testa ai lunghi della Cimberio: Campani, Mazzola e Cinciarini fanno la differenza e la Sutor si porta ad una lunghezza di distanza degli avversari (25-26). Frates è costretto a richiamare i suoi in panchina per scongiurare il pericolo sorpasso. Gli scossoni di cui è capace il coach (ex sutorino) sortiscono effetti inimmaginabili. La Cimberio, rinuncia a penetrare l’aria pitturata ed inizia a tirare dall’arco , cercando gli esterni e facendo girare tanto la palla. De Nicolao, Ere e Clark segnano in poco tempo, scombussolando il gioco di Montegranaro. L’allenatore gialloblu, Recalcati, non ha altra scelta che cercare di spezzare il ritmo dell’avversario, chiamando il time-out. Si tratta di trovare la chiave giusta per disinnescare la macchina sforna triple di Varese. Siamo sul 27-35 e ci sono 4 minuti da giocare prima del riposo lungo. Si tenta un riavvicinamento provando le stesse armi degli avversari. Realizzano così Lauwers e Cinciarini (mvp della serata), ma Coleman tiene a distanza i Sutorini e chiude il primo tempo con il canestro del +7 (37-44).

Di altro tenore è il secondo tempo. La Cimberio crede di poter riproporre il gioco visto in precedenza, ma stavolta il riposo ha portato consiglio e i ragazzi di coach Recalcati sono pronti a neutralizzarlo. La parola d’ordine stavolta è “difendere”. E questo riesce. La marcatura ad uomo è quasi perfetta e non vengono lasciati tiri aperti ai Varesini. I sette punti di differenza vengono annullati con la bomba di Cinciarini che porta il punteggio a -1 (50-51). Ma è Lauwers a segnare il canestro del primo sorpasso della serata (52-50). Sempre Lauwers si rende protagonista di due splendide triple che infondono coraggio alla squadra e fanno tirare il fiato. Il parziale diventa entusiasmante: mentalmente la Sutor c’è e il suo allenatore pare aver trovato la soluzione alle insidie di Varese. Dal canto loro, gli ospiti forse non si aspettavano un reazione tanto energica. Dieci minuti di gioco non sono bastati loro a rendersi conto di come Montegranaro abbia imposto il suo gioco e il suo ritmo , tanto da chiudere sul 66-58, con un parziale di 29-14.

Nell’ultimo quarto è però inevitabile la reazione della Cimberio. Sfuma il vantaggio sutorino ogni volta che gli avversari trovano il canestro dall’arco: sono Polonara e Clark che finalizzano e dimezzano le distanze. Poi di nuovo Clark si fa pericoloso con la bomba del 77-76. Hassell rimette avanti la squadra (77-78) e Montegranaro chiama il time-out a due minuti dalla fine. Varese è forte, sa segnare e può vincere. Tutto dipende da quanto vogliano la vittoria i ragazzi di Recalcati. A sorpresa Skeen, appannato per quasi tutta quanta la gara, sembra volerla e infila una bomba (80-78), ma non sarà l’ultima della serata. A 20 secondi dal suono della sirena, anche Ere infila da tre, cosicché, sull’84-83, l’esito della gara rimane ancora incerto. Le tenta tutte Varese, ma non la spunta. E la gara si chiude, meritatamente, a favore della Sutor, sull’88-83.

TABELLINO: Sutor Montegranaro-Cimberio Varese 88-83.
SUTOR MONTEGRANARO: Cinciarini 21 (6/7, 3/4), Sakic 10 (4/7, 0/3), Mayo 15 (2/4, 1/2), Tessitore 0 (-/-, -/-), Lauwers  10 (2/2, 2/3), Campani 0 (-/-, -/-), Mazzola 6 (2/3, 0/1), Mitrovic 2 (1/1, 0/2), uaQuagliaQQuaglia n.e., Collins 17 (6/11, 0/1), Skeen 7 (2/5, 1/1). All.: Carlo Recalcati.
CIMBERIO VARESE: Scekic 2 (1/2, -/-), Sakota 5 (-/-, 1/1), Coleman 16 (6/9, 0/4), Rush 0 (-/-, -/-), Clark 26 (4/5, 6/12), Ambrosini n.e., De Nicolao 3 (0/3, 1/2), Balanzoni n.e., Mei n.e., Hassell 8 (4/6, -/-), Ere 13 (3/4, 2/5), Polonara 10 (1/2, 2/7). All: Fabrizio Frates
Arbitri: Sabetta, Seghetti, Caiazza.
Note: Parziali 14-21, 23-23, 29-14, 22-25. Tiri da due Montegranaro 25/40, Varese 19/31. Tiri da tre Montegranaro 7/17, Varese 12/31. Tiri liberi Montegranaro 17/18, Varese 9/11. Assist Montegranaro 10, Varese 12. Stoppate Montegranaro 1, Varese 0. Schiacciate Montegranaro 1, Varese 2. Rimbalzi totali Montegranaro 28, Varese 30.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 145 volte, 1 oggi)