CUPRA MARITTIMA – Proseguono i furti ai danni delle piccole imbarcazioni da pesca che si trovano nella zona a nord della cittadina picena, vicino all’hotel Oasi.

Durante la notte del 13 e 14 novembre, persone non identificate hanno portato via i piedi dei motori (la parte con l’elica), le retine, i verricelli e altre attrezzature da pesca. Nello stesso periodo le identiche attrezzature sono sparite anche dalla base nautica della Lega Navale sul lungomare. In totale sono state danneggiate tre barche da pesca e quattro da diporto. Gli operatori della piccola pesca hanno scoperto l’accaduto all’alba e denunciato ai carabinieri, i quali, a loro volta, hanno informato anche il comando della Capitaneria di Porto, competente per territorio demaniale.

Simili imprese criminose hanno ormai una cadenza semestrale. Un furto del genere accadde nel mese di aprile e un altro raid avvenne nel mese di novembre del 2012. Nell’ambiente circola il timore che possa trattarsi dell’opera di stranieri, provenienti dall’Est. Mistero sulla sorte delle attrezzature rubate.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 900 volte, 1 oggi)