di Carlo Fazzini

GROTTAMMARE – Fare turismo in tempi di crisi è dura così come risulta dura tracciare un rendiconto sull’ultima stagione turistica che riesca a mettere d’accordo tutti. Nelle scorse settimane abbiamo assistito, un po’ in tutta la Riviera, a numerosi scontri verbali circa i dati sul turismo tra amministrazioni e categorie.

Su questo solco a Grottammare è andato in scena un incontro tra l’amministrazione, nelle persone del sindaco Enrico Piergallini e dell’assessore al turismo Simone Splendiani, e numerosi esercenti di attività di ricezione e ristorazione del territorio.

Si è parlato, come di consueto in questi casi, di dati, i quali, secondo l’amministrazione, mostrerebbero un leggero aumento di presenze, intorno allo  0,4 percento, per il quadrimestre maggio-agosto rispetto allo stesso periodo del 2012. Per quanto riguarda le strutture di ricezione alberghiera invece, sempre secondo i dati esposti, si può parlare di sostanziale consolidamento del trend rispetto allo scorso anno, se guardiamo infatti i dati relativi agli arrivi nel mese di agosto di quest’anno vediamo che si sono attestati intorno alle 10 mila unità, cifra non distante dalle 9 mila e ottocento dell’anno precedente.

Ad ogni modo è segnalato un aumento dei proventi dalla tassa di soggiorno pari al 6% rispetto al 2012.

Tastando il polso dei numerosi titolari di attività presenti però, la situazione non sembrerebbe delle più rosee e l’uscita dal tunnel della crisi ancora piuttosto lontana. Motivo di scontento e discussione è stata in particolare la Tares, la tassa sui rifiuti, che nell’ultimo periodo ha colpito in maniera piuttosto decisa i settori della ristorazione e quello alberghiero con una pressione fiscale decisamente superiore rispetto alle stagioni passate.

Se da una parte però la crisi attanaglia il settore turismo, dall’altra gli operatori non sembrano volersi arrendere alla triste realtà. Il rilancio infatti è cosa possibile e l’apporto dell’amministrazione, nei limiti dei vincoli economici e di bilancio, non mancherà, almeno secondo le parole del Sindaco il quale ad esempio ha confermato, anche per il prossimo anno, gli appuntamenti con l’animazione turistica che sono andati in scena quest’estate nelle spiagge davanti alla piazza Kursaal e nei pressi del circolo nautico “Ischia”con canti, balli di gruppo e animazione rivolta ai più piccoli.

Non sono mancate infine proposte e suggerimenti che possano favorire un incremento di afflusso turistico verso la cittadina. Si tratta ovviamente, secondo il prontuario della crisi, di proposte low-cost come la biblioteca in spiaggia, che sarà realtà già a partire dalla prossima estate e un servizio di baby-sitting che, nel caso dovesse essere attivato, si rivolgerà alle giovani famiglie in vacanza, target di clientela che da sempre maggiormente affolla le spiagge grottammaresi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 347 volte, 1 oggi)