SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Mercoledì 13 novembre 2013, all’età di 86 anni compiuti, è deceduto l’ex calciatore della Samb Filippo Traini II, detto ‘Masselette’. La cerimonia funebre si terrà venerdì 15 novembre, presso la Chiesa di San Pio X. Alla moglie, ai sette figli Maria, Luisa, Filena, Umberto, Michelangelo, Giovanni, Anna Maria e Alessia, alle nuore, generi, nipoti, parenti tutti, sentitissime condoglianze da parte della città, della Samb calcio, personali e dalle redazioni di Espresso Rossoblu e Riviera Oggi..

Per ricordarlo pubblichiamo un’intervista che “Masselette” rilasciò al sottoscritto alcuni anni fa.

titolo: FILIPPO TRAINI II: NESSUNO È PROFETA IN PATRIA

Traini II Filippo (a) nato a S. Benedetto Tr. il 03-09-27, soprannominato ‘Masselette’ perché a suo nonno Umberto Traini lo chiamavano tutti ‘Massulè, aveva i mezzi tecnici e le possibilità per giocare a più alti livelli della serie C ma è lui stesso a spiegarci perché non ci è arrivato.

“Sono passati tanti anni e diversi erano i tempi così come era diverso il contesto sociale. Io venivo da una famiglia dignitosa, che doveva sudarsi ogni giorno il sostentamento nel duro mestiere dei funai. Ero ignorante ed ho commesso alcuni errori che ho pagato a caro prezzo nel calcio, uno sport che non ti perdona niente. In mezzo al campo, in qualche circostanza, e anche se oggi mi vergogno lo voglio raccontare, mi sono comportato male nei confronti degli avversari, con atteggiamenti ed atti riprovevoli. Poi avevo un carattere scontroso, che non mi aiutava nei rapporti con gli altri. Sono certo che con un miglior equilibrio generale, avrei potuto esprimermi con onore anche a livelli più alti perché le qualità tecniche non mi mancavano. Se giocavo, con il mio fisico minuto, era perché davo garanzie totali sul rendimento e sulla tenuta”

I suoi errori potrebbero servire ai giovani calciatori di oggi che si accingono a tentare la scalata nel calcio?

“Certamente, perché oggi i tempi sono cambiati enormemente rispetto alla mia epoca. La televisione, i giornali, il diverso modo di vivere, mette i giovani nelle condizioni di conoscere in anticipo i problemi ai quali andranno incontro. Il calcio, come tutti i mestieri della vita, è un lavoro duro e difficile, dove bisogna fare i sacrifici ed avere il massimo rispetto degli altri, sia compagni di squadra che avversari”

Che parentela c’è con Gigi Traini I detto ‘Piccirille’ ed anche ‘Cuccì?

“Gigi è stato calcisticamente un grande campione, con mezzi fisici eccezionali. Quando saltava noi compagni avevamo la quasi certezza che riuscisse, lui per primo, a colpire il pallone di testa e ci disponevamo in campo per sfruttare le sue deviazioni. Una qualità che solo pochi calciatori hanno in assoluto. Siamo parenti perché i nostri nonni erano fratelli e quindi eravamo cugini di secondo grado”

Ha qualcosa da rammaricarsi per i periodi in cui ha militato nella Samb?

“Ero spesso nervoso perché noi sambenedettesi eravamo sempre considerati nella valutazione calcistica e sotto l’aspetto economico inferiori ai ‘forestieri’ della Samb. Praticamente i nostri compensi erano inferiori a tutti i compagni di squadra che non erano di San Benedetto, anche se alcuni di noi erano superiori come qualità e rendimento. Insomma per guadagnare qualcosa in più dovevamo lasciare la nostra amata squadra cittadina e andare a giocare fuori”

All’inizio quanto ha pesato questa specie di handicap?

“Quando lasciai le giovanili della Samb andai a giocare nell’Elpidiense, in IV serie, assieme a ‘Marté’ Marchionni e Marcello Martinelli, per mettermi in evidenza. Poi venni dato in prestito alla Fermana, che allora militava in serie C, nello stesso girone della Samb. Solo dopo due campionati eccezionali alla Fermana, potei indossare quella maglia rossoblù che mi sognavo pure di notte. Ma una volta tornato, come forse succede dappertutto, in mezzo al campo eravamo spesso i più bersagliati dai tifosi. Ogni mondo è paese e nessuno è profeta in patria”

A cura di Pino Perotti

 

LA CARRIERA

TRAINI II Filippo ‘Masselette’ (attaccante) nato a San Benedetto del Tronto il 03-09-27.

Quattro campionati con la maglia della Samb. Ha giocato anche nel Lanciano!

PRESENZE E GOL DEL CAMPIONATO 48-49

TRAINI II° Filippo                                 4                            0

PRESENZE E GOL DEL CAMPIONATO 52-53

TRAINI II° Filippo                                 25                            6

PRESENZE E GOL DEL CAMPIONATO 53-54

TRAINI II° Filippo                                 32                            5

PRESENZE E GOL DEL CAMPIONATO 54-55

TRAINI II Filippo                                  8                            01

———————————————

totale Campionato FIGC                    69                            12

HA ESORDITO CON LA SAMB IN SARDEGNA CONTRO IL CAGLIARI  NEL 48-49!

HA CHIUSO CON LA SAMB IN SARDEGNA CONTRO IL CARBOSARDA NEL 54-55!

Esordio con la maglia della Samb, alla 33a giornata in

2-0 CAGLIARI-SAMB (01-05-49)

CAGLIARI: Sulis, Farris, Bartoli, Idili, Mantovani, Aliprandi, Sesler, Cocco, Ragazzo, Ronzi, Fassberger.

SAMB: Capralini, Taffoni II, Brignone, Paci I, Palestini IV, Santi, Sansolini, Paci II, Traini II, Notti, Palestini V. All.: Notti

ARB.: Bianchi di Firenze

MARC.: 64′ Ronzi, 77′ Cocco

ultima gara con la maglia della Samb

34^ giornata (12-06-55)

0-0 CARBOSARDA-SAMB

CARBOSARDA: Cavallini, Zoboli, Vincenzi, Braccini, Molinari, Trenzani, Pin, Turotti, Rizzato, Bicicli, Ferrari.

SAMB: Matteucci, Astraceli, Cacchiò, Morsan, Rosati, Palestini V, Ferretti, Traini II, Traini I, Travaglini, Di Fraia. All.: Notti

ARB;: Di Gregori di Legnano

—————————————————————-

LA CARRIERA DI TRAINI II FILIPPO (Masselette)

 

CAMPIONATO 47-48                          Giovanili-Samb

CAMPIONATO 48-49                          presenze Samb-serie C:         4                              0 reti

CAMPIONATO 49-50                          prestito all’Elpidiense IV serie

CAMPIONATO 50-51                          prestito alla Fermana serie C

CAMPIONATO 51-52                          prestito alla Fermana serie C

CAMPIONATO 52-53                          presenze Samb-serie C:         25                              6 reti

(alla 3^ gol nella gara con il Maglie, alla 19a con la Juve Stabia, col Livorno nel recupero, col Mantova alla 27a, a Reggio Emilia alla 28a, con l’Alessandria alla 29a)

CAMPIONATO 53-54                          presenze Samb-serie C:         32                              5 reti

(col Carbosarda alla 2a, col Mantova alla 3a (rig), col Catanzaro alla 9a, a Livorno alla 16a, con la Lucchese alla 21a, col Pisa alla 34a)

-(nella 4a, a Lucca, ha sbagliato un rigore sul 2-1 per la Lucchese)

CAMPIONATO 54-55                          presenze Samb-serie C:            8                              01 reti

(col Carbosarda alla 17a)

CAMPIONATO 55-56                          Sangiorgese

CAMPIONATO 56-57                          Sangiorgese

CAMPIONATO 57-58                          Torremaggiore  (località in cui ha trovato la moglie)

CAMPIONATO 55-56                          Lanciano

CAMPIONATO 59-60                          Milazzo

 

TOTALE PRESENZE IN SERIE C CON LA SAMB:                                                                           69

TOTALE GOL IN SERIE C CON LA SAMB:                                                                                        12

Media gol-partite giocate=0,17 % cioè circa un gol ogni 5 partite

TOTALE CAMPIONATI DISPUTATI IN SERIE C CON LA SAMB:                          4

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.161 volte, 1 oggi)