SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il maltempo che si è abbattuto sul centro Italia ha costretto la produzione del film “Mio papà” a rivedere i piani di lavorazione. Le riprese sarebbero dovute partire l’11 novembre da una piattaforma privata al largo di Pescara, tuttavia le condizioni proibitive del mare hanno portato all’annullamento del primo ciak e all’inversione della location.

Ecco allora l’installazione di luminarie natalizie al Paese Alto di San Benedetto nella mattinata di martedì, in diverse vie del borgo. Qui faranno la loro apparizione pure alcuni zampognari messi a disposizione dall’amministrazione comunale.

Prodotto da Movie And e Rai Cinema, con la collaborazione del Ministero dei Beni Culturali, “Mio papà” costerà 2 milioni di euro. Sarà interpretato da Giorgio Pasotti e Donatella Finocchiaro e racconterà il rapporto affettivo in una famiglia allargata tra un bambino – interpretato da Niccolò Calvagna – e il nuovo compagno della madre. Nel cast pure Fabio Troiano, noto per la sua partecipazione alla serie “Ris” e per aver condotto la passata stagione la prima edizione di “The Voice of Italy”, su Raidue.

“Il genere di Mio papà è quello del drama”, ha spiegato il regista Giulio Base. “Ci auguriamo di riuscire a far ridere e commuovere”. L’uscita nelle sale è quindi prevista per l’ottobre del 2014, considerati i tempi necessari per il lavoro di post-produzione.

Oltre al Paese Alto, Base ha individuato altri sfondi ideali alla sua pellicola, come il lungomare, il Teatro Concordia (che per l’occasione tornerà ad essere un cinema), le piazze Giorgini e Nardone e la sede dell’Unicam. Alcune scene verranno infine girate anche all’interno del Madonna del Soccorso.

Dall’11 novembre fino al 14 dicembre sarà pertanto in vigore il divieto di sosta in Via Paganini, lato sud, nel tratto compreso tra Via Toscanini e Via dei Mille, mentre dal 12 novembre sino al termine delle riprese non si potrà non si potrà posteggiare nel parcheggio in Via dei Fenici, posto sul lato est del cimitero.

“Mio papà” coinvolgerà circa cinquanta persone della troupe e ben otto i camion che trasporteranno i materiali tecnici per il set.

Giulio Base ha da poche settimane terminato le riprese del film “Il pretore”, basato sul romanzo “Il pretore di Cuvio” di Piero Chiara. Nella sua carriera da regista ha diretto diverse puntate della fortunata serie “Don Matteo”. Come attore vanta partecipazioni alle fiction “Valeria medico legale”, “Tutti pazzi per amore 2” e “Una grande famiglia”, quest’ultima tuttora in onda su Raiuno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.056 volte, 1 oggi)