Il video sarà visualizzabile anche sui canali della televisione digitale terrestre Super J Tv, visibile al canale 603 nelle Marche e in Val Vibrata e 624 in Abruzzo
Riprese e montaggio di Arianna Cameli
Intervista di Pier Paolo Flammini

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Solito afflusso per ricordare i propri defunti nei giorni dedicati alla commemorazione del 2 novembre. Al cimitero di San Benedetto, così, si registra il picco di vendita dei fiori per decorare i loculi. Abbiamo ascoltato il parere di qualche visitatore e qualche commerciante.

Intanto una indagine della Borsa Merci di Ascoli rileva un leggero aumento del costo dei fiori. In particolare i prezzi di questi fiori sono così suddivisi: i crisantemi in vaso di plastica da 17-18 centimetri vanno da un minimo di 3,00 euro ad un massimo di 3,50 euro, quelli nel vaso da 22 centimetri costano un minimo di 4,50 euro ed un massimo di 5,50 euro, il crisantemo a stelo oscilla tra 1 euro e 1,20 d’euro. I prezzi dei crisantemi, rispetto al 2012, infatti per il vaso da 17-18 centimetri i crisantemi venivano venduti ad un prezzo tra 2,80 euro e 3,2 euro, mentre si oscillava tra 4 e 4,50 euro per i crisantemi nel vaso da 22 centimetri. Incrementano, anche se lievemente rispetto allo scorso anno, anche i crisantemi a stelo, che nel 2012 erano quotati tra 0,70 e 0,80 centesimi.

“Invitiamo i consumatori – dichiara il presidente della Cia provinciale Ugo Marcelli – ad essere attenti e consapevoli nel momento dell’acquisto considerando il fatto che nelle ultime settimane il prezzo dei crisantemi è rimasto pressoché invariato”. Il crisantemo, fiore conosciuto già 500 anni fa e considerato, in Giappone, il fiore nazionale, dai primi anni del XX° secolo ha avuto in Italia un deciso impulso e buona parte della produzione interessa proprio il distretto florovivaistico del Piceno che ha in Grottammare il centro di riferimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 578 volte, 1 oggi)