SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In cassa ci sono già 30 mila euro, versati dal Comune di San Benedetto, ma l’obiettivo è quello di incrementare notevolmente la cifra. Sabato mattina è stato sottoscritto il protocollo d’intesa per la costituzione del fondo di solidarietà per il contrasto alla povertà e all’esclusione sociale, tappa conclusiva del percorso avviato a giugno con la convocazione del Consiglio Comunale aperto.

I soggetti aderenti al protocollo sono i medici di famiglia dell’Area Vasta 5, i Comitati di quartiere e ben dieci associazioni di volontariato: “Caritas”, “Sulle ali dell’amore”, “Centro Famiglia”, “Coccinella Dina Sergiacomi onlus”, “Il Mattino”, “Il Germoglio”, “Centro di solidarietà”, “On the road onlus”, “Papa Giovanni Paolo II” e il “Banco alimentare”,

Il fondo sarà destinato a progetti d’intervento per sostenere le famiglie, ma non erogherà contributi per singole situazioni. “Il piano è ambizioso – dice l’assessore Margherita Sorge – il mio sogno è che possano convergere pure gli altri comuni dell’Ambito Sociale 21”.

Lo sportello d’ascolto verrà attivato presso il Centro Famiglia di Via Manzoni. E’ stato aperto un conto corrente postale denominato “Caritas Diocesana di solidarietà”, intestato al direttore della Caritas e avente il seguente Iban: IT42V0760113500001015654575.

“Sono tanti i drammi a noi sconosciuti”, ricorda il sindaco Gaspari. “Senza le associazioni che monitorano quotidianamente le famiglie in difficoltà non andremmo lontano. Le amministrazioni hanno il dovere di mantenere la coesione sociale, se si rompe la corda salta il banco e le emergenze saranno altre. Noi siamo ancora fortunati, perché possiamo sederci attorno ad un tavolo e discutere. Con questo protocollo manteniamo la parola. Il merito va alla generosità e all’altruismo di questa gente. Dobbiamo ispirarci allo straordinario messaggio di Papa Francesco: non lasciatevi rubare la speranza”.

Negli ultimi dodici mesi risultano triplicati gli accessi allo sportello del Sociale in Municipio. La crisi amplifica le difficoltà, che non sono solo economiche. Invadono infatti anche il campo psicologico.

Le varie associazioni realizzeranno gadget e li metteranno in vendita, mentre in previsione delle prossime manifestazioni comunali è previsto l’aumento del prezzo del biglietto di un euro così da rimpolpare lo stesso fondo.

Il Comune avrà il compito di garantire la trasparenza della gestione del progetto attraverso la pubblicazione periodica dei movimenti del conto corrente sul sito istituzionale (www.comunesbt.it), sempre nel rispetto della privacy.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 335 volte, 1 oggi)