CUPRA MARITTIMA – Due città ora unite ancora un po’ di più. Nel giorno in cui ricorre il suo martirio, il 13 ottobre, è stato inaugurato a Cupra Marittima il parco dedicato a San Benedetto Martire, patrono di San Benedetto del Tronto. Il soldato romano fu infatti decapitato il 13 ottobre del 304 sul ponte del torrente Menocchia per poi essere gettato nel corso d’acqua del piccolo fiume, sfociare in mare, ed essere ritrovato più a sud sulla spiaggia, appunto, di San Benedetto del Tronto.

Quale luogo migliore dunque da dedicargli se non lo spiazzo di verde in prossimità della foce del Menocchia? E così nella mattinata di domenica 13 ottobre proprio in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono, il sindaco di Cupra Domenico D’Annibali e il sindaco di San Benedetto Giovanni Gaspari, hanno inaugurato l’area in questione a nord di Cupra. Presenti alla manifestazione anche l’assessore al turismo Marco Malaigia, il parroco Don Luigino Scarponi che ha impartito la benedizione, il presidente del consiglio Comunale di Grottammare Alessandra Biocca, il Circolo Sambenedettesi rappresentato da Benedetta Trevisani, la Polizia Municipale, i Carabinieri, la Guardia di Finanza e la Guardia Costiera.

“Siamo orgogliosi – ha affermato D’Annibali – di intitolare questo spazio a San Benedetto Martire, rafforzando i legami dell’ager cuprensis e dando valore alla nostra storia”. Ha aggiunto Gaspari: “Ringrazio Cupra Marittima per questo semplice ma significativo gesto. Insieme possiamo ricordare e tenere viva un pezzo di storia altrimenti dimenticato”. D’Annibali e Gaspari hanno infine scoperto la lapide commemorativa che intitola lo spazio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 844 volte, 1 oggi)