MARTINSICURO – Dopo la firma del protocollo di intesa dei giorni scorsi a Teramo, che aveva sancito il passaggio di ulteriori 20 milioni di euro dalla Regione Abruzzo alla Provincia per l’alluvione del marzo 2011, arriva l’ufficialità che parte di quei fondi andranno al comune di Martinsicuro. Le somme stanziate serviranno in parte a completare il rimborso per la somma urgenza nel Marzo del 2011 (ammontanti a 380.00 euro, e rimborsate sin ora solo per il 25 %) ed in parte a finanziare altre opere.
Tra queste, il tanto atteso intervento sulla foce del Vibrata per il quale veniva previsto dalla Provincia di Teramo nel 2012 un importo di 350.000  euro, a cui si aggiungr un ulteriore importo di 250.000 euro da parte della Regione Abruzzo. Ora la palla passa gli uffici provinciali che dovranno pianificare tempi e modalità per l’avvio della fase esecutiva del progetto definitivo già realizzato.

Soddisfatto il consigliere provinciale e capogruppo di Progetto Comune, Massimo Vagnoni, che sembra volersi togliere qualche sassolino dalla scarpa: “La firma del protocollo conferma come quanto dicevamo nella scorsa campagna elettorale non era solo la solita promessa, ma impegno concreto di una classe politica che, almeno in questo ambito, si è assunta ad ogni livello (nazionale, regionale, provinciale e comunale) la responsabilità di dare una risposta concreta ad una grave criticità del nostro territorio.”

Secondo il consigliere urge dare fiducia e tranquillità ai cittadini che vivono con ansia lo stato del fiume vibrata, iniziando subito con la fase operativa dei lavori di messa in sicurezza. ” Oltre alle somme messe a disposizione dagli enti sovra comunali, il nostro Comune avrà oraì una importante risorsa (circa 240.000 euro) che, come abbiamo chiesto già da tempo, ci auguriamo  andrà impiegata per interventi volti a prevenire rischi idrogeologici (ad esempio aggiungendo somme a quelle già investite da Provincia e Regione per lavori sul Vibrata) e altri fenomeni erosivi già in atto. Grazie al lavoro svolto in passato da tutta la filiera istituzionale ci sono quindi nuove risorse a disposizione della città, non provenienti da aumento di tasse locali, e che andranno impiegate in maniera adeguata investendo in opere che mettano al sicuro i tratti del nostro territorio che hanno maggiormente subito gli effetti negativi di eventi alluvionali e erosivi.

“Ringrazio la Regione Abruzzo e la Provincia di Teramo per aver mantenuto gli impegni assunti – conclude Vagnoni – E per aver messo anche il nostro Comune nella condizione di poter utilizzare risorse che nel 2011 furono obbligatoriamente dirottate per ripristinare i danni causati dall’alluvione e non utilizzate per opere utili alla collettività”.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 342 volte, 1 oggi)