SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono 35 le domande pervenute al Gruppo di Azione Costiera “Gac – Marche Sud” in risposta ai bandi per usufruire dei finanziamenti del Fondo europeo della pesca per il periodo 2013/2015. I sei bandi erano volti a stanziare risorse per favorire lo sviluppo sostenibile delle zone di pesca e offrire opportunità per Enti pubblici e imprese per la valorizzazione dell’economia ittica.

I contributi richiesti ammontano complessivamente a 879.275 euro a fronte di spese previste per 1.669.770 euro. Entro la prima metà di novembre il Comitato di Gestione del Gac “Marche Sud” approverà le graduatorie finali.

Il presidente del Gac Settimio Capriotti esprime il suo compiacimento per il risultato ottenuto e auspica che la qualità dei progetti presentati, sia in termini formali che sostanziali, possa emergere nella fase istruttoria e valutativa affinché nessun partecipante venga escluso.

Nel merito, sono giunte 5 domande per interventi a favore della valorizzazione della qualità del prodotto ittico locale, per quelli volti alla promozione integrata delle eccellenze del territorio e per il miglioramento degli spazi portuali di pesca. Ben nove sono invece state le richieste per la diffusione delle tecnologie a basso impatto ambientale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 211 volte, 1 oggi)