SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Quella che sta per concludersi è stata davvero “una stagione tra sport e turismo”, come dimostrano i numeri fatti registrare dagli eventi targati Sambenedettese Beach Soccer e legati in generale alle attività della Beach Arena.Facendo un bilancio complessivo si scopre infatti come la realtà sportiva sambenedettese sia diventata davvero una fonte di ricchezza da privilegiare per il futuro.

Prima di tutto vanno considerati i risultati sportivi, a partire dalla Coppa Italia conquistata dalla compagine rossoblu con una vittoria quasi insperata, fino al terzo posto in campionato ottenuto proprio nelle finali scudetto che si sono svolte a San Benedetto.  E tra la Euro Winners Cup, competizione a livello internazionale con 20 club partecipanti da 17 diversi paesi e allestita in tempi da record in osservanza delle disposizioni FIFA, e le finali della Serie A Enel si arriva ad un totale complessivo di circa 2500 presenze per un fatturato che si aggira attorno ai 155.000 euro, senza contare l’indotto e la pubblicità ottenuta grazie alla trasmissione delle gare a livello nazionale su RaiSport. Una esperienza certamente positiva che si spera possa ripetersi il prossimo anno, ma solo dopo aver risolto il problema della programmazione, ci tiene a precisare il presidente Roberto Ciferni, poiché data la rilevanza di tali eventi è necessario un calendario anticipato a partire già da questo autunno.

Se per quanto riguarda le tempistiche è tutto ancora da stabilirsi, certo invece il sostegno rinnovato da parte dell’amministrazione comunale, con il vicesindaco Eldo Fanini che dopo essersi congratulato per i risultati ottenuti dal club, ha voluto anche affermare l’importanza della struttura della Beach Arena, riqualificata per ospitare eventi a carattere nazionale e internazionale, con un occhio in futuro anche all’ambito culturale e non solo sportivo. Inoltre non mancherà anche l’aiuto da parte della Regione Marche con Sandro Donati e l’ex assessore Marco Curzi che hanno rassicurato i presenti sui futuri contributi per ciò che riguarda lo sport, i quali non mancheranno nonostante la crisi per una San Benedetto che deve continuare a migliorarsi seguendo la strada percorsa fin qui per veicolare poi tutto il territorio.

Gran parte del successo ottenuto dal connubio tra sport e turismo è dovuto anche all’AssoAlbergatori, che nella figura di Gaetano Sorge ha voluto precisare quanto sia importante il turismo sportivo soprattutto per due ragioni. La prima è certamente quella dell’internazionalizzazione, con la Samb che si è trovata a giocare a fianco di realtà sportive di rilevanza internazionale, basti pensare alla Lokomotiv Mosca, facendo conoscere la città a livello europeo. Poi va considerata la valenza delle attività sportive in un’ottica di destagionalizzazione del turismo, facendolo decollare anche in bassa stagione coprendo un arco temporale di 5-6 mesi che non si limiti alla triade estiva.

Nel discorso generale si inseriscono anche le considerazioni del responsabile della Beach Arena Maurizio Spazzafumo, che soddisfatto per la realizzazione degli eventi in così poco tempo, creando suggestione anche negli occhi dei responsabili di club assai più titolati tanto da arrivare addirittura ad un gemellaggio con il FK Baku e il Besiktas, auspica una revisione ad ampio raggio anche delle strutture ricettive per esseri pronti il prossimo anno e continuare a stupire l’estero. Un ringraziamento infine va dalla Samb Beach Soccer all’Ufficio Sport e in particolare alla Rossetti Costruzioni che si è occupata della manutenzione della struttura.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 512 volte, 1 oggi)