SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Arriva la Tares, che porterà con sé nuovi aumenti. A tremare saranno soprattutto le famiglie più numerose e i proprietari di immobili che godono di una collocazione residenziale ed una categoria privilegiata.

Investirà invece tutti i cittadini l’aumento di 30 centesimi per metro quadrato imposto dal Governo, con l’incasso che finirà direttamente nelle casse statali. Il Comune di San Benedetto ha pertanto previsto un ricavo complessivo di circa 10,5 milioni di euro, derivante dai versamenti dei contribuenti dello scorso maggio (allora l’importo fu calcolato in rapporto alla Tarsu del 2012) e del prossimo ottobre.

I single pagheranno di meno grazie alla modifica del regolamento, che punta sul numero dei componenti dei singoli nuclei piuttosto che sull’ampiezza degli appartamenti. L’assessore alle Finanze, Fabio Urbinati, ha comunque garantito l’istituzione di un fondo di solidarietà in favore delle famiglie corpose. “Ci concentreremo inoltre sul tipo di attività produttiva di cui fa parte l’esercizio commerciale soggetto alla tassa”, dichiara l’assessore che ha fissato per giovedì alle 13 il monitoraggio del Bilancio. Seguiranno poi due appuntamenti di maggioranza (venerdì e presumibilmente lunedì), la riunione dei capigruppo e la Commissione Consiliare.

Il pacchetto verrà quindi mandato a votazione nel Consiglio del 30 settembre, termine ultimo per la presentazione del Riequilibrio. Qualora mancasse il numero legale si andrebbe comunque in seconda convocazione, dato che a far fede sarebbe il giorno di indizione originaria dell’assise.

Per quanto concerne la tenuta dell’amministrazione, il centrosinistra non sembra troppo turbato. “State tranquilli, non cadiamo”, assicura la vicepresidente dell’emiciclo Giulietta Capriotti. “La maggioranza è più solida che mai”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.801 volte, 1 oggi)