SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  Litigano, si prendono a botte e si colpiscono con i cocci di una bottiglia. Nella serata del 16 settembre tra un uomo e una donna di origine nigeriana, residenti in un appartamento al primo piano di una palazzina in via Tito Livio, a San Benedetto, si è scatenata una violenta lite. I passanti sono stati attirati dalle urla e sembrerebbe abbiano visto i due che si colpivano con una bottiglia rotta e schizzi di sangue alla finestra.

In effetti i Carabinieri, entrati in casa, hanno trovato l’uomo ridotto in una maschera di sangue, a causa di una lacerazione alla testa e la donna stesa per terra.

Arrivata l’ambulanza, il nigeriano in un primo momento si è rifiutato di salire, reagendo a malo modo nei confronti di un militare delle Forze dell’ordine che provava a convincerlo. Gli ha provocato solo una lieve contusione.

Attualmente la donna è tornata a casa ma non ha sporto denuncia, mentre l’uomo è stato dichiarato in arresto perché colto in flagrante, e condotto al carcere di Marino del Tronto in attesa di convalida del provvedimento. Tra i capi d’imputazione: maltrattamento, lesioni personali e resistenza a Pubblico Ufficiale.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 636 volte, 1 oggi)