SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Si è svolta, tra la notte del 31 agosto e quella del 1 settembre, un’esercitazione della Protezione Civile, organizzata dal coordinatore Gualtiero Chiappini e dal referente comunale, il capitano della Polizia Municipale Vinicio Cipolloni, volta alla ricerca di una persona scomparsa.
“L’allarme” è scattato in piena notte e segnalava un disperso nella zona collinare di Santa Lucia, tempestiva la convocazione dei volontari da parte del direttivo e alle 5.45 la squadra aveva già raggiunto il luogo indicato. Le ricerche effettuate da una squadra di 20 persone, con il supporto di un cane dell’unità cinofila della Protezione Civile, guidato dal volontario Massimiliano Galletti, dopo circa un’ora ha rinvenuto il disperso.
“Scopo della simulazione- dichiara il coordinatore Chiappini- era verificare il tempo necessario a ciascun volontario per raggiungere la sede dal momento della chiamata. Abbiamo riscontrato situazioni differenti, com’era prevedibile, anche in relazione alla residenza di ognuno, ma nel complesso siamo soddisfatti della risposta avuta e dell’organizzazione che siamo riusciti ad allestire nei tempi assegnati, considerato il fatto che in questi casi la rapidità di intervento può risultare determinante”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 234 volte, 1 oggi)