SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Finché c’è sole c’è speranza. In Riviera gli stabilimenti balneari cominciano a chiudere i primi ombrelloni. Un po’ per il tempo instabile, che sta imperversando sul centro Italia nell’ultimo periodo, un po’ per il controesodo, dovuto alle ferie terminate.

In quest’ultimo stralcio di vera estate ci si affiderà dunque al mordi e fuggi e soprattutto al meteo. “Se tornerà bel tempo, come dicono, possiamo tirare avanti fino a metà settembre, periodo in cui riaprono le scuole”, dice Gaetano Sorge. Il presidente dell’Assoalbergatori si mostra comunque fiducioso: “Rispetto al 2012 non c’è paragone. Dodici mesi fa l’annata fu tra le peggiori mai registrate. Mancava la voglia di andare in vacanza. Almeno stavolta c’è fiducia”.

Fatta eccezione per qualche precipitazione indicata per martedì, a San Benedetto sono previste belle giornate. Ad approfittarne i vacanzieri last-minute, che godranno di prezzi più moderati nelle strutture alberghiere. “C’è gente che ha prenotato per 3-4 giorni – aggiunge Sorge – non si registrano addii in massa, pensiamo di poter tenere”.

Chi si godrà il sole settembrino in cambio non sarà costretto a perdere minuti preziosi alla ricerca di parcheggi gratuiti. Da domenica prossima infatti gli stalli sul lungomare torneranno liberi, con l’amministrazione comunale che si prepara ad accogliere l’incasso derivante dalla stagione estiva.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.161 volte, 1 oggi)