SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dito puntato contro il Meeting di Rimini. “Non capirò mai questa corsa ad esserci”, twitta Giovanni Gaspari in risposta ad un post di Graziano Del Rio, accorso nella città romagnola per un incontro su economia e politica.

“Libera Chiesa in libero Stato”, aggiunge polemicamente il sindaco, evidentemente allergico al tradizionale appuntamento di fine estate di Comunione e Liberazione che si celebra da oltre trent’anni. Ma perché prendersela proprio col povero Del Rio? Al Meeting s’erano succeduti anche Angelino Alfano e Renato Schifani, eppure l’obiettivo del primo cittadino è stato il Ministro per gli Affari Regionali. In quota Pd.

La risposta potrebbe celarsi dietro ad una definizione: renziano. Macché, renziano doc. Vuoi vedere che, in vista del Congresso, ogni scusa sarà buona per far cagnara?

E siccome adoriamo le coincidenze, segnaliamo come il giorno del famigerato tweet, un altro renziano – stavolta locale – si dirigeva a Rimini. Fabio Urbinati partecipava infatti al convegno “Stato e prospettive della piccola pesca in Adriatico”. Tra i relatori Guido Milana, europarlamentare vicepresidente della Commissione per la Pesca, più volte sbarcato a San Benedetto per ascoltare le osservazioni degli operatori del settore.

Parlare a nuora affinché suocera intenda? Non sta a noi stabilirlo. Certo è che il malumore ha invaso anche il segretario dei Giovani Democratici, Iacopo Zappasodi: “Ma è mai possibile che per confrontarsi con le marinerie del nord adriatico non ci fosse altra occasione che partecipare a un incontro di Comunione e Liberazione?”.

Gli archivi rappresentano però una fonte inesauribile e permettono di volare con la memoria al 27 agosto del 2008. Cinque anni fa, scenario sempre il famigerato Meeting, tema “La Marina di Rimini”. Gaspari era lì, accompagnato dall’assessore ai Lavori Pubblici, Leo Sestri.

L’amministrazione cercava spunti per la riqualificazione dell’area portuale. Al Meeting furono presentate alcune ipotesi progettuali elaborate da studi di fama internazionale per la Nuova marina di Rimini, la gara europea indetta dal Comune per il restyling del comparto che inglobava il canale del porto. “Valuteremo quello che stanno facendo altri enti – spiegò all’epoca Sestri – la fascia costiera di Rimini ha caratteristiche simili alla nostra. Può essere un’occasione stimolante”.

Forse aveva ragione Gaspari: incomprensibile questa corsa ad esserci. Oggi come ieri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 641 volte, 1 oggi)