SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Nel mondo, ogni otto minuti viene assassinata una donna. In Italia ne viene uccisa una ogni due giorni. Sono prede facili, indifese, emarginate, spesso abbandonate da tutti.

Luciano Garofano con Rossella Diaz raccontano storie vere di donne e conducono i lettori nei drammatici labirinti del male, tra paura, rassegnazione, umiliazioni e brutalità. Dallo stalking all’omicidio, i due autori, attraverso i racconti dei familiari delle vittime di femminicidio, portano alla luce le responsabilità delle istituzioni. I numeri sono drammatici: oltre 120 donne uccise in Italia nel 2012, 137 nel 2011, 127 nel 2010, 119 nel 2009… I dati dell’Istat sottolineano un incremento degli omicidi in ambito familiare e sentimentale: circa il 70% delle vittime cade infatti per mano del partner o dell’ex compagno.

Questo libro è un’approfondita indagine nell’universo della violenza contro le donne e un invito a denunciare, per reagire a questo scempio.

L’evento è organizzato dalla libreria “La Bibliofila” insieme all’associazione “I luoghi della Scrittura”. Converserà con l’autore il giudice Giuliana Filippello. L’ingresso è libero.

Luciano Garofano, ex comandante dei RIS di Parma, generale dei carabinieri in ausiliaria, docente universitario a Parma, Roma e Lecce, biologo, presidente dell’accademia italiana di scienze forensi, è Cavaliere ordine al merito della Repubblica italiana e Ufficiale ordine al merito della Repubblica italiana. Consulente di serie televisive (R.I.S.–Delitti imperfetti) e di programmi tv (L’altra metà del crimine, La7d, Quarto Grado, Rete4), ha pubblicato vari libri.

Rossella Diaz, laureata in Economia all’Università di Modena e Reggio Emilia, giornalista pubblicista, ha all’attivo la gestione, il coordinamento e l’organizzazione di numerose manifestazioni nazionali ed internazionali di successo. Si occupa di uffici stampa, marketing e comunicazione, relazioni pubbliche.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 439 volte, 1 oggi)