SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  Che il viaggio in Papua Nuova Guinea fosse pericoloso, lo sapeva. Durante la presentazione del suo ultimo libro sui Crow a Grottammare, la viaggiatrice in solitaria di San Benedetto, Raffaella Milandri, aveva dichiartato: “Non più di tre settimane!”.

Aveva parlato di un paese dove lo stupro e la violenza in genere nei confronti della donne era all’ordine del giorno, e che non sarebbe stato facile per lei,  ma alla fine si è trovata al cento di sanguinarie rivolte politiche.

Milandri si trova infatti a Mount Hagenm dove una tribù, non soddisfatta del risultato delle elezioni che sono state annullate, sta creando dei disordini. La sambenedettese si trova all’ Hotel Poroman e ha contattato e chiesto aiuto l’Ambasciata italiana in Australia e alla Farnesina.

Ecco l’ultimo aggiornamento su Facebook: “Sono le 3 di notte. fuori dalla mia porta , i passi rassicuranti di una guardia armata. ieri l’albergo era chiuso, e in una atmosfera surreale qui ero la unica ospite . Un amico di facebook che ha vissuto qui commenta in merito alla tribù armata fino ai denti (quella che deve riprendere il suo defunto) : “Non sono armi per attaccare, ma per difendersi”. Sempre armi sono….c’è qualcosa qui di molto diverso da altri Paesi che ho visitato. La gente non aspetta che qualcuno li difenda o li capisca. Non chiedono giustizia. Passano subito all’azione. E vige la legge del taglione. Domattina (fra 5 ore circa) saprò se l’aeroporto è stato sbloccato e se c’è ancora il coprifuoco in città. Qualcuno dice che domani sarà meglio, altri dicono che sarà peggio. Io sono sempre qui, asserragliata. Grazie a tutti voi amici carissimi che mi siete vicini”.

AGGIORNAMENTO DEL 21 agosto:  “Sana e salva in Port Moresby! Un grazie infinito a Caroline, a Denis e Olivia , e a tutti voi che mi siete stati vicino! Ho preso il primo volo ….al volo, perchè non sanno se la cittadina tornerà sotto assedio. A parte queste violenze tribali e politiche, qui le persone sono squisitissime. Mi ha detto Denis, il proprietario dell’albergo che  è imbarazzante per loro che stranieri come me vengano coinvolti in queste situazioni”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 853 volte, 1 oggi)